Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
23 luglio 2011 6 23 /07 /luglio /2011 12:20

 

Céline Arnauld

Scritti brevi da riviste dada.












                                



 



ALLARME


I sentimenti

scendiletto nella casa

dell’antiquario

Mattino

Le ali dell’aeroplano

equilibrano il risveglio degli amori

in strade ferrate

Le rotaie ne piangono

l’intelligenza deraglia

e senza preoccupazione i meccanici si contendono

le canzoni dei vagoni letto

Amici miei amici miei

non fidatevi della scintilla

il fuoco attecchisce ovunque

anche nei vostri cervelli

Fermata prima stazione

Il capostazione senza ragione

– è forse l’esibizione del sole

sulle finestre del vagone

o l’ispirazione antialcolica

del mattino in foglietti –

divaga destreggiandosi abilmente con i pacchi

severamente riempiti di caffè sveglia-mattino

La potenza delle catapulte

spezza le ali troppo fragili dell’aeroplano

                 altalena di antiche tenerezze

Ehilà miei molto cari amici

sui sentimenti scendiletto

il tempo passa

la pioggia cade diffidente e meschina

Le vostre parole sono degli schrapnells

sulle ruote di girasole

I cimiteri si prolungano sino all’erba morta…

State attenti alle tombe aperte

 

                    CÉLINE ARNAULD


 

                 

 

 

 

 

 

 

       Risposte

 

La letteratura più bassa, è la letteratura di vendetta.

 

Per coloro che non sono amici miei: "Seguite la massa, branco di imbecilli".

                 CÉLINE ARNAULD

                      







[Traduzione di Elisa Cardellini]

 

LINK al presente articolo:

Avertisseur


 

LINK al collegamento del sito Dada Archive agli articoli Céline Arnauld:



ALLARME

 

I sentimenti

scendiletto nella casa

dell’antiquario

Mattino

Le ali dell’aereo

equilibrano il risveglio degli amori

in strade ferrate

le rotaie ne piangono

l’intelligenza deraglia

e senza preoccupazione i meccanici si contendono

le canzoni dei vagoni letto

Amici miei amici miei

non fidatevi della scintilla

il fuoco attecchisce ovunque

anche nei vostri cervelli

Fermata prima fermata

Il capostazione senza ragione

– è l’esibizione del sole

sulle finestre del vagone

o l’ispirazione antialcolica

del mattino in foglietti –

divaga lanciando in aria abilmente i pacchi

severamente riempiti di caffè sveglia-mattino

La potenza delle catapulte

spezza le ali troppo fragili dell’aeroplano

altalena di antiche tenerezze

Ehilà miei molto cari amici

sui sentimenti in discesa del letto

il tempo passa

la pioggia cade diffidente e meschina

Le vostre parole sono degli schrapnells

sulle ruote di girasole

I cimiteri si prolungano sino all’erba morta…

State attenti alle tombe aperte

 

CÉLINE ARNAULD

Repost 0
8 luglio 2011 5 08 /07 /luglio /2011 10:10
Al Tempo dell'Occhio Cacodilato

Panorama bio-icono-bibliografico dei sessanta firmatari di L'Occhio Cacodilato di Francis Picabia (1921)


 

 

 

Piccola retinografia cacodilata


Dopo aver soppresso i commenti dei firmatari, i diversi collages e mignature di L’Œil Cacodylate, erano non più si sessanta, ma cinquantasei protagonisti visibili. Restano introvabili i nomi di Paul Poiret e di Pierre Lalo (quest'ultimo menzionato da Germaine Everling nel precedente post. In seguito a problemi tecnici, non sono in grado di proporre un ingrandimento di questi due documenti "puliti". Rimedierò in seguito

 

 

 


Ubicazione delle firme sul quadro, in bianco su sfondo nero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   Ubicazione delle firme sul quadro, in nero su sfondo bianco

 

 


 

 

Propongo qui la lista di questi firmatari evidenti e dei loro commenti:


 

 

 


 

1. Arnauld Céline: Le marque [manque] DADA

 

La marca [La mancanza?] DADA

arnauld.jpg


 


 

2. Astier d': firma soltanto

 

 

 

 

 

 




 

 

3. Auric Georges: Je n'ai rien à vous dire

Non ho nulla da dirvi

Auric.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

4. Blum René: Non, je ne signerai pas (?)

No, non firmerò (?)

blum.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5. Borgatti Renata: Les croissants sont bons

borgatti.jpg

 

 

 



 

 

 


 

6. Buffet Gabrielle: A Francis Picabia qui raconte des histoires de nègre

A Francis Picabia che racconta delle storie di negri

Buffet-Gabrielle.jpg

 

 

 

 

 

 

 


 

7. Buffet Marguerite: A chacun son culte/au tien

Ad ognuno il suo culto/ al tuo [Marguerite Buffet]

buffet.jpg

 

 

 

 


 

8. Casella Georges: firma soltanto

casella.jpg

 

 

 

 

 


 

8. Charchoune Serge: Soleil russe

Sole russo

charchoune.jpg

 

 

 

 





9. Chenal Marthe: Ecrire quelque chose, c'est bien!! Se taire, c'est mieux!!

Scrivere qualcosa, è bene!! Tacere, è meglio!!

chenal2.jpg

 

 

 

 

 

 


chenal.jpgFirma di Marthe Chenal distante dal commento e ubicata sotto il titolo del quadro.

 

 


 



 

10. Claretie Léo: J'admire JC (Jean Cocteau): Couronne de mélancolie/Jazz trop drummer

Ammiro JC (Jean Cocteau): Couronne de Mélancolie/jazz troppo drummer

 

Picabia_l-oeil-cacodyle_1921--copia-7-.jpg

 

 

 

 

 

 


Leo-Claretie.jpg

 

 

 

 

 

 

 



 

11. Corlin Michel: Le cuculin


 

 


 

 

 

 

 


 



 

12. Crotti Jean: MON OEIL EN DEUIL de verre vous regarde

IL MIO OCCHIO IN LUTTO di vetro vi guarda

Crotti-Jean.jpg

 

 

 

 

 


 

13. Dalvarez: firma soltanto

 

 

 

 




 

14. Dermée Paul: [Paul] "Z". final [Dermée]

[Paul] "Z". finale [Dermée]

dermee.jpg

 


 

 

 

 

15. Doilac Dodo: Je voudrais mettre quelque chose

Vorrei mettere qualcosa

doilac-1.jpg

 



 

16. Dorgelès Raymond: Non je n'en reste pas baba et je jure chez Picabia que ne n'aime pas Dada

 

Dorgeles.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 


 

17. Duchamp Marcel: en 6 qu'habilla rrose Sélavy

 

 

 

 





 

18. Duchamp Suzanne: Quand on me prend au dépourvu MOI = Je suis bête

Quando mi si prende alla sprovvista IO= sono una bestia

suzanne_duchamp.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 




 

19. Duncan Isadora: Isadora aime FRANCIS de tout son âme

 

 

 

 




 

20. Everling Germaine: J'espère toujours me réveiller!

Spero sempre di svegliarmi!

everling.jpg

 

 

 

 

 

 




 

21. Evrard Marcelle: Moi, j'aime Francis et Germaine Roscoe



 

22. "Fatty" Arbuckle: GOOD LUCK

Buona fortuna

Fatty1.jpg

 

 

 

 

 

 

 


 

23. Fratellini: Ricordi di 3 Fratel/ Fratellinis

 

 


 

 


 

 

 

24. Hire Marie de la: "Francis Picabia" par

"Francis Picabia" di

hire.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

25. Hugo François: Je n'ai rien fait et je signe

 


 

 




 

26. Hugo Jean: Voilà [flèche de direction autocitative]

Ecco [freccia di direzione autocitativa]

hugo.jpg

 

 

 

 

 

 




 

27. Hugo Valentine J.: Mon cœur bat

Il mio cuore batte

Hugo-J.-Valentine.jpg

 


 

 

 

 

 

28. Hussard Jean: firma soltanto

 

 

 




 

29. Jourdan-Morhange H. [Hélène]  C'est difficile d'être peintre

È difficile essere pittori

Jourdan-Morhange


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

30. Lipton Madge: Criminel dit [Madge Lipton]

Criminale detto [Madge Lipton]

lipton.jpg




 

31. Malançon Alice: La flemme


 

 

32. Man Ray: Directeur du mauvais movies



 

33. Massot Pierre de: Le petit de Massot sourit AU GRAND PICABIA!

Il piccolo Massot sorride AL GRANDE PICABIA!

massot.jpg

 

 

 

 




 

34. Metzinger Jean: J'arrive de la campagne



 

35. Milhaud Darius: Je m'appelle DADA depuis 1892


milhaud.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

36. Moreau Y. [Yves?]: Tout le monde ont signé je signe

Tutti hanno firmato firmo anch'io

Moreau.jpg

 

 

 

37. Pansaers Clément: Vive Agaga Pansaers et, peut-être: Picabia te souviens-tu de Pharamousse?

Viva Agaga Pansaers (e forse: Picabia ti ricordi di Pharamousse?).

 

pansaers.jpg

 


 

 

 

 

 

 

 


 

 


 

38. Picabia Francis: FRANCIS PICABIA/1921


Picabia_Francis_l-oeil_sign.jpg


 

39. Pound Ezra: firma soltanto



 


 

40. Poulenc Francis: J'aime la salade


 

 

 

 

 

 


 


 

41. Povolozky J.[acques]: Je l'édite

Lo pubblico

povolozski.jpg

 

 

 

 

 

 

 


 

42. Quign(e) (ou) ron: J'aime Hania et Auric. Sans rancune.

 

 

 


 




 

43. Ribemont-Dessaignes G.[eorges]: Je prête sur moi-même

 


 




 

44. Rigaut Jacques: Parlez pour moi

 

 


 



 

45. Routchine Hania: J'aime Francis/J'aime aussi Auric

 


 


 

 

 

 

46. Salignac Thomas: Comprendre?

 


 


 


 

47. Schwartz-Raphaël: firma soltanto


 



 

48. Segonzac André Dunoyer de: Sergent major

 

 



 


 

49. Tagliaferro Magda: Signé "Magda-da Tagliaferro"

 

 

 

 



 


 


 

50. Tzara Tristan: Je me trouve très

tzara.jpg

 

 


 

 

 


 

 

 

51. Vadec de: J'aime Picabia

 

 


 

 

 

52. Valensi Henri: 1 de +

 

 

 


 


 

 


 

53. Zayas G.[eorges] de: Il faut mais je ne peux pas

Si deve ma non posso

Zayas.jpg

 


 

 

 

 

 

 

 

[Traduzione di Elisa Cardellini]

 

 

LINK al post originale:

Petite rétinographie cacodylate

 

 

 


Repost 0
21 giugno 2011 2 21 /06 /giugno /2011 16:16

 

 

 

Alcune considerazioni sulla poetica di Marcel Duchamp

 

 

 

di Renzo Principe


einstein1.jpgLa congiunzione tra arte e pensiero scientifico è un elemento fondamentale di tutta la cultura del Novecento che investe non solo l'idea stessa di progresso e modernità, il così detto modernismo, ma cambia radicalmente la collocazione dell'arte all'interno della conoscenza estetica. Da questo punto di vista, le avanguardie artistiche del primo Novecento, rappresentano una elaborazione interna all'arte, alla conoscenza poetica, volta ad integrare le innovazioni scientifiche, filosofiche e tecniche, che andavano prepotentemente trasformando la cultura europea di fine Ottocento. Non si è più certi di poter fondare la realtà su postulati puramente astratti, teorici o metafisici; cade la razionalità cartesiana proprio su quella inconoscibilità della materia (del mondo sensibile e del corpo) così tenacemente espulsa dalla cultura occidentale e, con essa, cade anche tutto il pensiero positivo che aveva fondato le proprie idee sulle certezze del pensiero illuminista. Non solo Einstein, sferra un colpo mortale alla certezza del Logos, ma in questa stessa direzione si ritrovano sul medesimo cammino, la Fenomenologia, le nuove teorie scientifiche e soprattutto le nuove concezioni sul tempo, sullo spazio e sulla relatività di ogni possibile sapere e conoscenza. Tra gli artisti del Novecento che più di ogni altro hanno fondato la propria poetica nella congiunzione tra arte e pensiero, tra arte e speculazione scientifica, ritroviamo Marcel Duchamp.

 

 

duchamp scacchi 1963


marcel-duchamp-nu.descendant.escalier.1912.jpgNon è un caso che le opere di Duchamp del 1911-12-13, come i suoi famosi nudi (Nu descendant un escalier, del 1912 e di proprietà della collezione W. Arensberg), partono proprio da una critica interna al cubismo o, se vogliamo, da una visione non statica della prospettiva cubista. Alla spazialità cubista, pluriprospettica, Duchamp aggiunge la temporalità propria della concezione futurista, il movimento, ma con un interesse del tutto opposto e antitetico a quello dei futuristi. Se per i futuristi il macchinismo è una esaltazione del progresso e della continuità (anche se i futuristi si pongono, in arte, contro la tradizione), per Duchamp, al contrario, rappresenta un regresso. Infatti le "macchine inutili" di Duchamp, come i ready-mades o i giochi di linguaggio e le sue performance, sono congegni che mettono a nudo la strumentalità del pensiero e del linguaggio discorsivo; funzionano secondo logiche non razionali non entrate nell'uso, rompono i rapporti causali tra gli oggetti e gli eventi e ci mettono di fronte a un mondo spazio-temporale diverso da quello che siamo abituati a cogliere, con i nostri sensi, nell'ambito della vita quotidiana. L'opera di Duchamp, quindi, è una denuncia forte del tecnicismo razionale dell'epoca, che sfocia nella distruttività della macchina da guerra messa in opera dalle potenze europee; prefigura un mondo leggero, ironico gioioso e giocoso, un mondo dove l'arte svolge una funzione primaria, che è quella dell'esercizio del pensiero.

 

conrumoresegreto1916Con rumore segreto, 1916, ready made.

 

 

 

 

 

 

 

 

perché non starnutirePerché non starnutire, 1921, ready made.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Duchamp.-Porte-bouteilles--1914--1964-.jpgScolabottiglie, 1914, ready made.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

duchamp--ruota-su-sgabello--1913.jpgRuota su sgabello, 1913, ready made.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

duchamp--L.H.O.O.Q.-1919.jpgL.H.O.O.Q., 1919, ready made.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

aria di ParigiAria di Parigi, 1919, ready made.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fontana, Duchamp, 1917Fontana, 1916-17, ready made.

 

 

 

 

 

Far pensare e ritrovare nuovi schemi concettuali è la funzione che Duchamp assegna alla sua poetica e che egli stesso definisce poetica dell'indifferenza, del distacco dal mondo degli oggetti precostituiti e strumentali. Ciò che vale, per la sua poetica, è tutto ciò che ha perso il proprio valore referenziale e che può essere reinserito in un nuovo ambito di valori non riconosciuti dalla tradizione. Rompere con la tradizione, non solo in pittura, ma nella vita, è l'opera a cui Duchamp ha maggiormente aspirato. A differenza dei surrealisti, l'inventore dei ready-mades, cerca la leggerezza dell'essere (questo stato in cui le cose si corrispondono e perdono i loro confini stabiliti), non tanto nel mondo enigmatico e sommerso del subconscio, quanto nel gioco, nella sospensione del giudizio e nell'humor. È per questo motivo, che Duchamp cerca nella scienza del suo tempo una nuova dimensione (un non-luogo, si potrebbe dire oggi usando un concetto caro a Marc Augé), in cui collocare le cose del mondo e mostrarle attraverso una specularità, uno specchio, un Grande Vetro, dove si riflette una trasparenza impossibile, un gioco tra presenza e assenza che mostra il vero senso delle cose.

 

rose, 10 Il Grande Vetro, 1915-1923.

 

 

 

 

L'interesse per la Quarta dimensione, che agli inizi del Novecento era esplosa dopo la teoria di Einstein, "ci derivava - scrive Duchamp - dal desiderio di sfuggire la banalità della routine". Duchamp pensa l'arte su una scala più ampia, come qualcosa di totale che coinvolge la totalità dell'agire umano. A tale proposito, supera le idee convenzionali e tradizionali, che sono paradigmaticamente espresse, in pittura, dalla corrente impressionista, ma anche da certe concezioni cubo-futuriste. Il gesto di negazione dadaista di Duchamp, nei confronti dell'arte retinica, è un gesto contro un'idea di arte interamente pensata al servizio dei sensi, al servizio dell'occhio. In questo caso - dice Duchamp - ci troviamo di fronte ad un atteggiamento superficiale dell'arte che tocca solamente la pelle della realtà. Contro l'arte del "cavalletto" egli pensa che il valore artistico debba essere ricercato, non tanto in rapporto ai sensi, quanto piuttosto in rapporto al pensiero, al concetto. Duchamp è l'uomo delle intuizioni geniali e la grandezza della sua opera e della sua esistenza è quella di avere posto come elemento primario della poetica la scelta  dell'artista che concettualizza un mondo che sta dietro al mondo dei fenomeni. Arte dunque come conoscenza superiore della mente; oppure come linguaggio, veicolo e segno comunicativo polisenso, come vita, come esperienza sociale e scientifica. Superata la prima fase di formazione artistica, in cui Duchamp attraversa tutti gli stili e ripercorre tutte le scuole pittoriche del suo tempo (dall'impressionismo al cubismo, dal fauvismo all'influenza di Cézanne), Duchamp mette a punto una nuova concezione circa il valore dell'arte che lo conduce dalle "fredde speculazioni astratte" sulla quarta dimensione alla messa in opera del Grande Vetro (La Mariée mise à nu par ses célibataires, même) 1915-23.

 

Rrose-S-lavy--01.jpgFrech Window, 1920.


Il punto di partenza di tale processo - scrive Artur Schawarz - potrebbe essere l'interesse di Duchamp per le nuove teorie scientifiche che prefigurano uno spazio-temporale a quattro dimensioni dove l'ombra proiettata da una figura quadridimensionale, nel nostro spazio, è una figura tridimensionale. Ciò che noi consideriamo come qualcosa di reale e tridimensionale, in realtà non sarebbe altro che l'ombra, il sigillo direbbe Giordano Bruno, di una realtà più ampia che ci possiamo immaginare solo con l'occhio della mente, mai con i sensi. Questo problema di ordine metafisico risalente a Platone, alla fine dell'Ottocento, è suscettibile di divenire oggetto di analisi di una teoria scientifica. All'intuizione romantica Duchamp sostituisce ciò che è "esteticamente vecchio e soggettivo" con il nuovo e "più obiettivo".


Cosa è il nuovo e più obiettivo?


Non è altro che il disegno meccanico, infatti Duchamp compie uno spostamento dalla pittura al tratto lineare e schematico del disegno meccanico, perché in esso il gusto viene depurato dal tratto essenziale. Duchamp si scaglia contro l'idea di gusto, perché è qualcosa di negativo che non produce una nuova creazione; le idee nuove non vengono tutti i giorni e la maggior parte dei grandi pittori, conformando il proprio stile al gusto dominante, non fanno altro che ripetersi, non fanno altro che ripetere la medesima idea. È così che si forma, in una determinata epoca, una certa concezione del bello che diviene una moda, una consuetudine, una convenzionalità e una tradizione. Rendere il più possibile anonima (meccanica) l'opera d'arte è il primo passaggio che Duchamp compie nella ricerca di uno spazio-tempo nuovo. Non è un caso che egli abbia creato diverse macchine inutili, come la macinatrice di cioccolato, rendendole sempre più rarefatte, cioè viste alla luce di una nuova dimensione, sotto un angolo visuale non umano (disumanizzazione dell'arte dice Ortega y Gasset), che si caricano di ironia e di humor noir.

 

Duchamp-macinatore-cioccolato-1914-3-.jpgLa macinatrice di cioccolato, 1913.

 



In Duchamp è fin da subito presente il senso di annientamento operato dalla tecnologia nei confronti della natura; per questo motivo i ready-mades sono macchine il cui funzionamento è liberato da ogni possibile rapporto con il senso e il significato. Sono congegni a-significativi che si pongono tra senso e non senso e smascherano i meccanismi perversi della modernità. Secondo Duchamp anche il linguaggio è un meccanismo perverso. Noi non possiamo mai comunicare senso attraverso il linguaggio discorsivo, poiché esso è valido, come veicolo di senso, solo se colto nel suo valore poetico. Così la parola, in Duchamp, entra a far parte dell'opera, ma è una parola che inganna, che non corrisponde più a ciò che essa deve rinviare. È una traslazione che pone il senso in uno spazio vuoto infinitamente aperto, al confine tra ciò che si vede e ciò che sta dietro l'immagine. Traslazione che Duchamp compie anche nei confronti dell'oggetto materiale. Quindi il distacco nei confronti dell'oggetto equivale ai giochi di parole creati da Raymond Roussel, da Alfred Jarry o da Brisset, che sono artifici di omofonia attraversati da accostamenti di elementi eterogenei.

 

duchamp, porte 11, rue Larrey1196188595 fPorta aperta e chiusa, 1927.


È a questo che mira la poetica dell'indifferenza: indifferenza per il gusto, per il senso precostituito, per gli oggetti presi nel loro uso comune; è ricerca di nuovi spazi conoscitivi, di nuove tecniche e materiali, di nuovi colori, di nuove leggi, di nuove trasparenze, di nuovi rapporti dove l'immagine del mondo viene ad essere incorporata in una opera d'arte.

 

 

 

 

L'atto creativo non è compiuto esclusivamente dall'artista. Lo spettatore porta l'opera a contatto con il mondo esterno decifrandone e interpretandone le caratteristiche interne, e in questo modo apporta il suo contributo all'atto creativo"

[A cura di Elisa Cardellini]

LINK al post originale:
Alcune considerazioni sulla poetica di Marcel Duchamp


© 1985/2003 Parol - quaderni d'arte e di epistemologia


Repost 0
Published by Elisa - in Dada dalla rete
scrivi un commento
31 maggio 2011 2 31 /05 /maggio /2011 10:11

 

Al Tempo dell'Occhio Cacodilato

Panorama bio-icono-bibliografico dei sessanta firmatari di L'Occhio Cacodilato di Francis Picabia (1921)


 

Questa vestaglia vi sta a meraviglia,

ma una goccia del mio profumo sull'orlo vi renderà irresistibile (Paul Poiret)


 

Sfogliando le 400 pagine della "doppia monografia" di John Russell, Matisse père & fils [Matisse padre e figlio],

 


 

ho ripensato a George Baker ed alla sua preziosa indicazione. Ezra Pound, infatti, et non Paul Poiret, benché quest'ultimo abbia sia stato segnalato come firmatario di L’Œil cacodylate da Germaine Everling Picabia in L’Anneau de Saturne [L'Anello di Saturno](Fayard, 1970):

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel corso di dicembre, la cantante Marthe Chenal ebbe l'idea di una grande festa di fine da tenersi nella propria abitazione.

 

Marthe Chenal, che frequentava gli ambienti ufficiali, aveva a volte il desiderio di uscirne, la sua magnifica vitalità non vi si trovava sempre a suo agio! Picabia la divertiva. Le aveva fatto due ritratti- di cui uno era stato comandato dal barone H. de Rothschild. Chiese al pittore di organizzare un veglione. Avrebbe invitato i suoi amici, ed il contatto dio quest'ultimi con le personalità che avrebbe invitato avrebbe creato un divertente amalgama!

 

Picabia accettò volentieri questa missione  di nuovo genere e, sempre perseguitato dalle malattie e dai farmaci, annunciò un "Veglione cacodilato!".

 

Questo veglione sarebbe stato 'un colpo di frusta' per tutti" andava dicendo, allo scopo di spiegarne il titolo.

 

La sera del 31 dicembre, il palazzo di rue de Courcelles fu una vera e propria pista automobilistica. Montparnasse e Palazzo Borbone vi si erano dati appuntamento, passando per rue de La Boétie!

 

Vi erano, tra cento convitati, Léon Barthou e Léonce Rosemberg, il pittore Marcel Bain ed il deputato Henry Pathé, George Scott ed il senatore Lederlin, Erik Satie, Georges Clemenceau (nipote del grande Clemenceau), Maurice Martin du Gard, Jean Victor-Hugo, Jean Cocteau, Georges Auric, i

 


 
pianisti Magda Tagliaferro e Marcelle Meyer, la baronessa Jeanne Double, Dunoyer de Segonzac, il principe Rospigliosi, i fratelli Isola, l'infante Luis de Bragance, Picasso, Ambroise Vollard, Brancusi, Francis Poulanc, Raymond Radiguet, Olympe Herriot, Thérèse Diehl, la danzatrice Cariathis, Irène Lagut, Paul Morand, Gabriel Grovlez, ecc.

Appoggiata sul palco del primo piano, Marthe Chenal, splendida, vestita di bianco e luminosa, guardava salire Parigi. I suoi occhi si fermarono all'improvviso su un uomo di bella corporatura, molto rappresentativo, che, ai piedi della scala, infilava un paio di guanti bianchi. "Presto va da lui", mi disse, "e digli che l'entrata di servizio non è qui!". Poco informata dei grandi personaggi del modernismo, aveva scambiato Ambroise Vollard per un maître d'hôtel extra!

Poco dopo, Picabia, per scherzo introdusse il musicista Georges Auric con il nome di Jean Cocteau. Chenal non conosceva né l'uno né l'altro e, volendo congratulare il poeta su una delle sue ultime opere (la cui musica era di Auric) e affermare al contempo il suo disprezzo per la composizione moderna, disse al musicista: "Che peccato che siate stato malservito dalla partizione!".

[...]

 

 

La confusione di alcuni biografi è senz'altro dovuta al fatto che (tra altri motivi) che Germaine Everling menziona Paul Poiret come firmatario, a pagina 140 del suo Anneau de Saturne:

 

 


 

Il ricordo di questa festa fu all'origine del quadro L’Œil cacodylate, che divenne proprietà di Louis Moysès, al Bœuf sur le toit. Su un grande pannello di legno, Picabia si compiacque di far firmare coloro con i quali egli era in relazione a quest'epoca. I nomi in apparenza meno vicini si trovavano uniti. Alcuni firmatari accompagnarono il loro con una dedica: Isadora Duncan scrisse: "Isadora ama Picabia con tutta la sua anima"; "Amo Francia", affermò anche Hania Routchine; Jean Cocteau incollò la sua fotografia in un embrione di cuore e sotto una "corona di malinconia". Vi figurai anche con una frase esoterica: "Spero sempre di svegliarmi!".

 

Firmarono tra gli altri Francis Poulenc, Darius Milhaud, Marthe Chenal, Georges Auric, René Blum, i Fratellini, Rolland Dorgèles, Georges Casella, François e Jean Victor-Hugo, Tzara, "Magda-da" Tagliaferro, Marcel Duchamp, Jean Crotti, Dunoyer de Segonzac, Pierre Lalo, Paul Poiret, ecc.


paul_poiret.jpg


 

Lo stilista di questa belle epoque, intimo di Picabia, fu forse uno dei convitati del "veglione cacodilato". Dopo aver minuziosamente setacciato minuziosamente una riproduzione a grandezza quasi naturale di L’Œil cacodylate, non ho trovato nessuna traccia di Paul Noiret, che preferisco includere malgrado tutto nel pianeta dada di questa fine 1921. D'altronde, il catalogo* dell'esposizione Picabia Chapeau de Paille? (Galleria Louis Carré, Paris, 1964) non menziona Paul Poiret.

 

 

Ecco dunque la firma di Ezra Pound:

 

 


 

La "Z" a forma di "2" non dà luogo ad alcun dubbio. Ho potuto ritrovarla, sotto la stessa forma, in uno dei rari autografi dell'autore dei Cantos attualmente disponibile su internet:

 

 

 


 

 

ezra_pound.jpeg

Il poeta statunitense fascista Ezra Pound

 

 

 

Per quel che riguarda lo stilista che liberò la donna dal corsetto (così come Dada si liberò da ogni forma di corsetto?), non resisto alla voglia di proporre qui quest'estratto: ISTITUTO DI FRANCIA ACCADEMIA DELLE BELLE ARTI NOTIZIA SULLA VITA E LE OPERE DEL SIGNOR René CLEMENT (1913-1996) del signor Gérard OURY Letta in occasione del suo insediamento come membro della Sezione delle Creazioni artistiche nel Cinema e l'Audiovisivo SEDUTA DI MERCOLEDÌ 1° MARZO 2000.


Risposta improvvisata dal signor Gérard Oury al testo del signor Pierre Schœndœrffer, e prima che la parola passi al signor Jean-Paul Belmondo affinché legga al suo posto l'elogio del signor René Clément, suo predecessore all'Accademia delle Belle-Arti.

 

 

 

 

 

[…]

 

Mia madre Marcelle Oury mi ha non soltanto dato la vita, ma me l'ha salvata alcune volte, durante le ore nere dell'Occupazione, con la sua lucidità, la sua chiaroveggenza, il suo spirito di decisione. Come avremmo potuto immaginare a vent'anni gli orrori che si preparavano nel nostro bel paese, con l'attiva complicità, la vergognosa collaborazione del Governo di Vichy? Sposata molto giovane al grande violinista Serge Tennenbaum, si era divorziata molto presto e il problema si pose immediatamente: "Come mi guadagnerò da vivere, con mia madre e mio figlio?". Il tempo non era quello della parità uomo-donna, ma con un istinto molto sicuro, si trovò ben presto nella sfera d'influenza del grande stilista Paul Poiret, l'uomo che aveva liberato il corpo delle donne dalla loro prigione: corsetti, stecche di balena, balconcini, lacetti.

 

Polarizzava attorno a sé una pleiade di artisti di cui mia madre fece la conoscenza pubblicando con Poiret "L'annuaire du luxe de Paris". Vi parteciparono André Derain, Dunoyer de Segonzac, Foujita, Raoul Dufy. Poiret aveva chiesto a quest'ultimo di realizzare i superbi acquarelli che inviavba a Lione presso il lavoratore della seta Bianchini Ferrier, il quale gli rimandavaammirevoli tessuti, e le parigine andavano così a spasso, estremamente eleganti, vestito con dei Raoul Dufy. È così che mia madre diventerà amica per la vita di Raoul Dufy e della sua sposa Emilienne. Siamo nel pienodegli anni folli, e dovevo avere cinque o sei anni quando ebbe luogo a Parigi l'esposizione delle Arti Decorative. Paul Poiret aveva ormeggiato sui moli della Senna tre chiatte magnificamente decorate, "Amori, Delizie e Organi". Vi dava delle feste sontuose in cui mi si portava malgrado la mia giovane età. Come tutti i bambini, adoravo andare a letto tardi. Fuochi di artificio, regali, si passava da una chiatta all'altra e le indossatrici di Poiret ed il loro cavalieri ballavano il blackbottom, il charleston, al suono di orchestre "veramente o falsamente negre". Ne sono ancora oggi stupita.

 

Nella primavera seguente partimmo per Deauville per la strada da quaranta soldi nell'Hispano Suiza scozzese di Paul Poiret. Questaimmensa decapotabile era dipinta alla maniera di un plaid, ed il meno che i possa dire, è che non passava inosservata. I suoi occupanti nemmeno. Oltre a Paul Poiret ed il suo autista in livrea bianca, viaggiavamo con Foujita e la sua splendente moglie Yuki, più tardi la sposa e poi la vedova di Robert Desnos. Lui frangia spessa, grandi occhiali di corno, baffetti e orecchini, lei così bella che anche alla mia età restavo a bocca aperta. Comunque sia, avevo paura della strada da quaranta soldi, perché qualcuno aveva raccontato in mia presenza di un abominevole crimine commesso per la somma di quaranta soldi, cioè due franchi. Alcuni anni dopo, dovevo avere una decina di anni, durante la bella stagione mia madre mi portava alla Coupole. Oh no, non quella lì, ma quella dell'Istituto, il caffè la Coupole boulevard di Monparnasse. All'ora dell'aperitivo, quando gli alberi germogliavano e faceva notte molto tardi, i laboratori di rue Campagne-Première scaricavano le loro eccedenze di artisti verso il Select, il Dôme, la Coupole. Alcuni odoravano ancora di essenza di trementina, altriavevano conservato le loro maglie macchiate di colori da quadri che essi avevano dipinto durante la giornata. Le tavole si facevano, di disfacevano, litigavano, esponevano i loro punti di vista sull'arte, bevevano secco, io sorbivo la mia granatina.

 

 

 

E questa fotografia di una delle famose chiatte di Paul Poiret:

 

 

 


 

 

Tornerò prossimamente su Poiret e Pound, per il semplice piacere di proporre alcuni documenti di un'epoca da cui ci allontaniamo ogni un po'.

 

 

 

 

Fabrice Lefaix

 

 

 

[Traduzione di Elisa Cardellini]

 

 

 

 

LINK al post originale:

Cette robe vous va a merveille, ma une goutte de mon parfum sur son ourlet vous rendra irrésistible

 

Repost 0
1 maggio 2011 7 01 /05 /maggio /2011 08:00

 

 

George Grosz


Grosz_Eclipse-of-the-sun_1926.jpg 

Disegni contro l'ordine costituito

 

 


 

 

 

pillars-of-society-by-george-grosz.jpgI Pilastri della Società, 1926

di Felip Equy 
  
 George Grosz fu un disegnatore ed un pittore tedesco poi americano. Testimone della prima Guerra mondiale, della sconfitta della rivoluzione in Germania poi dell'ascesa del nazismo, ha realizzato dei disegni che rappresentano un violento attacco contro l'ordine costituito. Ha espresso nella sua arte il suo odio per il militarismo, il clero e la borghesia. La sua influenza sui caricaturisti oggi è innegabile. I suoi disegni sono spesso utilizzati in ricerche e documenti a scuola per illustrare la storia della Germania tra il 1918 ed il 1933.

 

suicidio-1916-copia-1.jpg Il Suicidio

È nato a Berlino nel 1893. Trascorre la sua infanzia in Pomerania. Segue degli studi artistici all'Accademia reale di Dresda poi a Berlino. Il suo primo disegno è pubblicato nel 1910. Nel 1913, viaggia a Parigi dove incontra il pittore Jules Pascin. È volontario nel 1914 ma è riformato per motivi di salute nel 1915. È reintegrato nel 1917 e finirà la guerra in diversi centri ospedalieri. Molti dei suoi disegni mostrano i campi di battaglia con le loro distruzioni, morti e prigionieri.

George-Grosz--guerra--1920.jpg

 

 Nel 1916, rifiutando il nazionalismo germanico, trasforma il suo nome Georg in George e il suo cognome Gross in Grosz. Parla inglese per provocazione. Le sue influenze sono molteplici. I suoi inizi sono segnati dallo Jungendsil (Art Nouveau). Ritroviamo il futurismo italiano con il suo dinamismo e la sua qualità visionaria in un'opera come La Città (1916). Poi è il periodo dadaista con dei fotomontaggi e dei collage per delle pubblicazioni satiriche che egli anima.

Metropolis--1916-1917---George-Grosz-.jpg

La Città, 1916
 
 L'espressionismo è in seguito molto presente, soprattutto in Ecce Homo, una raccolta di acquerelli antireligiosi ed antimilitaristi. Dopo il 1924, la sua pittura è stata qualificata come verista nel senso della Nuova Oggettività.

George-Grosz--Noske--.jpgNoske beve alla morte della giovane rivoluzione
 
Difende la Rivoluzione sovietica ed aderisce al KPD (Partito comunista tedesco) nel 1918. Lo schiacciamento della rivoluzione tedesca radicalizza i suoi disegni. Tra le opere di quest'epoca, possiamo citare Noske beve alla morte della giovane rivoluzione (1919), Operai giudicano l'esercito sotto un ritratto di Karl Liebknecht, (1919), Germania, racconto d'inverno, (1917-1919).

grosz101.jpgGermania, un racconto d'inverno

 

Al centro di questo quadro, oggi perduto, un grosso borghese tedesco, il sigaro tra le labbra legge il suo giornale. Sotto di lui sono rappresentati i tre pilastri della società: l'esercito, la Chiesa, la scuola. È aggrappato alla sua forchetta e coltello, intorno a lui il mondo vacilla. Un marinaio rivoluzionario ed una prostituta completano questo quadro. 

I guaritori della fede (tratto dalla raccolta Gott mit uns, 1920), rappresenta uno scheletro che si presenta davanti al consiglio di revisione. Tutti gli ufficiali presenti lo dichiarano idoneo per l'esercito.


Gesundbeter.jpgI guaritori della fede

L'omaggio a Oskar Panizza (1917-1918) è realizzato secondo il principio del collage. Il colore dominante è rosso sangue. Il quadro rappresenta una processione allucinante di figure disumanizzate. In primo piano, tre figure simbolizzano la sifilide, l'alcolismo e la peste. La morte trionfa al centro della composizione. La follia della razza umana ricorda Bosch e Bruegel. Oskar Panizza era psichiatra e scrittore maledetto. Fu condannato per blasfemia e crimine di lesa maestà. Dal 1904 verrà internato in manicomio sino alla morte.

grosz85cv.jpgOmaggio a Oskar Panizza

Dada è nato a Zurigo nel 1916. Il movimento giunge a Berlino nel 1918. George Grosz è uno dei primi rappresentanti. Realizza con John Heartfield (1891-1968) un fotomontaggio intitolato Dadamerika. Le opere, scritti e manifestazioni collettive sono influenzate dal movimento rivoluzionario marxista ma con il poeta Franz Jung, a Berlino.

dadamerika.jpg
Dadamerika (con John Heartfield) 

Dada presenta anche delle tendenze anarchiche o nichilistiche. La prima serata Dada è organizzata nell'aprile 1919 nella sala della Nuove Secessione. Il poeta e scrittore Richard Huelsenbeck (1892-1974) pronuncia il primo manifesto Dada di cui è il principale autore. Afferma il cosmopolitismo del movimento così come l'opposizione di ogni tendenza etica o estetica.

Durante gli incontri Dada, gli spettatori erano coperti di insulti. Si veniva regolarmente alle mani e bisognava richiedere alla polizia l'aitorizzazione prima di organizzare una nuova riunione. Tutto era volto in derisione. Anche le divergenze tra artisti si regolavano sulla scena. Un giorno, fu organizzata una gara tra una macchina per cucire manovrata a George Grisz ed una macchina da scrivere azionata a Walter Mehring. George Grosz fu nominato Propagandada. Berlino fu ricoperta da manifesti con deigli slogan come "Dada ist da!", "Dada siegt", "Dada! Dada über alles", "Dada ist sinnlos", (Dada non significa nulla). Dada rappresenta un nichilismo totale: il nulla, il vuoto, il buoco. Nel 1919 e nel 1920 compare la rivista Der Dada.

dada-siegt-.jpg

Nel 1920, George Grosz, John Heartfield e Raoul Hausmann organizzano la prima Fiera internazionale Dada.


dada-messe.jpg
Essa ha luogo alla Galleria Otto Burchard. Sul soffitto era agganciato un generale impagliato con una testa di porco, opera di Rudolf Schlichter. Un cartello segnalava che era stato "impiccato dal popolo". 174 opere sono presentate: disegni, collage ed oggetti, testi Dada e politici. Vi si vedranno opere di Max Ernst e di Otto Dix. La galleria verrà chiusa per ordine della polizia e condannata ad una multa.

InternationaleDadaMesseBerlin1920.jpg
Prima fiera Dada, Berlino 1920

Nel 1922, trascorre sei mesi sei mesi nella russia sovietica con lo scrittore danese Martin Andersen-Nexø. Incontra brevemente Lenin ed altri dirigenti. Dopo essere stato affascinato dalla Rivoluzione, il bilancio del suo viaggio è piuttosto deludente. Non trova nulla di positivo nella Russia del 1922. La fame, la burocrazia, le distruzioni sono onnipresenti.  Abbandona il PC nel 1923 ma continua a fornire dei disegni ai suoi giornali. Vi si vedono dei borghesi obesi ed osceni, dei militari grotteschi ed arroganti. Nel 1927, Sacco e Vanzetti è un disegno di attualità che rappresenta la Statua della libertà coperta di sangue e brandente una sedia elettrica. È una denuncia delle condanne a morte dei due anarchici italiani.

circe--1927.jpgCirce, 1927.

Il suo pessimismo è presente dietro una perfezione gelida alla De Chirico. Il Ritratto del mio amico Max Hermann-Neisse (1925) lo rappresenta crudelmente come uno gnomo rannicchiato nella sua poltrona benché fu suo difensore durante durante un processo.

groszmax-1-.jpg
Ritratto del mio amico Max Hermann-Neisse, 1925

Nel 1928, Erwin Piscator aveva messo in scena il libro di Jaroslav Hašek, Le avventure del bravo soldato Chveik. Dei disegni di George Grsz erano proiettati sullo sfondo della scena. Una parte di loro saranno ripresi nella raccolta intitolata Retro-piano. Questa pubblicazione gli valse una condanna a due mesi di prigione e 2.000 marchi di multa per blasfemia, ma sarà prosciolto in appello due anni dopo. Vi si vede un Cristo crocifisso con una maschera a gas e stivali militari, la croce minacciava di cadere, la didascalia era: Tienila ferma e continua a servire.

 


gesu-con-la-maschera-da-gas--1924.jpg
Cristo con la maschera a gas

Nel 1921, un primo processo gli era valso un'amenda di 300 marchi per insulto all'esercito nella raccolta Gott mit uns.


gott-mit-uns.jpg
Nel 1924, era stato condannato a 6.000 marchi per oltraggio ai costumi a causa della raccolta Ecce Homo in cui descriveva la vita privata della borghesia.

ecce-homo.jpg
Nel 1930 disegna un mascellaio che accarrezza un animale scuoiato. Le sue visceri sono poste in primo piano come i colori di un pittore sulla sua paletta dei colori.

macellaio.jpg
 Emigra alcuni giorni prima dell'avvento di Hitler al potere. Il regime nazista gli ritira la nazionalità tedesca e le sue opere troveranno posto privilegiato nell'esposizione sull'arte degenerata nel 1937.


la-minaccia--1934.jpgLa Minaccia, 1934

Il suo talento di caricaturista è molto apprezzato negli Stati Uniti. Invitato dall'Art Students League di New York, vi dà dei corsi di disegno. Disegna per dei giornali poi crea la sua propria scuola. Assumerà la nazionalità americana. Ma è troppo ammirativo per essere critico e la sua arte avvizzisce. I suoi quadri diventano più calmi e sereni. Continua tuttavia con i suoi disegni sull'attualità: campi di concentramento, calvario dello scrittore anarchico Erich Mühsam, avvento di franco al potere in Spagna.

coppia-newyorchese--1935.jpgCoppia newyorchese, 1935


arresto-di-muhsam.jpgL'arresto di Erich Mühsam


hitler-all-inferno--1944.jpgHitler all'inferno, 1944


Nel 1946, scrive la sua autobiografia Un piccolo sì ed un grande no. Si tratta di una narrazione piena di umorismo e di spontaneità. Non risparmia i membri dell' intelligentsia berlinese che ha conosciuto come Heinrich Mann o Bertolt Brecht. Ritrova tuttavia la sua veemenza precedente. Rappresenta dei vegliardi armati di forchette rotorte che continuano la guerra.

GeorgeGroszLejosalSurlabellaEspaa19.jpgLejos, al Sur, la bella Espana

Nel 1946, Il pozzo è un'evocazione allucinata dell'Europa in rovina. Nel 1950, la serie degli Uomini bastoni è una visione da incubo della crescita demografica.

The-agitator.jpg


I suoi disegni si beffano anche dei costumi della sua patria di adozione. Nel 1958, Cookery School (La scuola di cucina o la Valle delle salsicce) è una serie di collage grotteschi con delle immagini provenienti da riviste e pubblicità. È una critica della società dei consumi americana. Quest'opera anticipa la pop art.

George_Grosz__Ecce_1576403b.jpg

Dopo diversi viaggi in Europa, decide nel giugno 1959 di installarsi a Berlino. Il mese seguente, rientrando da una serata di abbondanti bevute, muore in seguito ad una caduta dalle scale della sua cantina.


battersby.jpg

Der-Madchenhandler--1918.jpg
Felip Equy

[Traduzione di Elisa Cardellini]



George-Grosz--12-.jpg

 


GeorgeGrosz5.jpg

 

 

sonniges-land.jpg

 

 

LINK al post originale:
George Grosz, des dessins contre l'ordre établi

 

 

LINK a due opere originali di George Grosz:

Das Gesicht der Herrschenden

 

Mit Pinsel und Schere

 

 

  
LINK ad un documentario sulla vita e le opere di George Grosz a puntate:

George Grosz, Ennemi of the State 01 di 10

 
Repost 0
Published by Elisa - in Profili Dada.
scrivi un commento
24 aprile 2011 7 24 /04 /aprile /2011 08:00
L'invisibile attraverso la manipolazione della luce: Man Ray
 

Cinzia Busi Thompson

 

ray-.jpgMan Ray è da considerarsi un'artista multimediale. Il suo mezzo preferito era la pittura, ma ritengo che le sue opere più interessanti siano quelle fotografiche, poiché questo corpus è molto vasto ed estremamente diversificato sia dal punto di vista tecnico che dei contenuti. Inoltre, la fotografia è un atto bidirezionale in quanto nello stessa momento in cui essa si svela, essa occulta la realtà attraverso la trasformazione della tridimensionalità in bidimensionalità, dando luogo ad una costruzione d'ipotesi.

In questo vasto panorama ho scelto alcune immagini significative per la ricerca dell'invisibile, tema che si sta affrontando in questo ambito.

duchamp scacchi 1963Numerosi studiosi hanno esaminato la sua opera dal punto di vista simbolico, con riferimenti alla psicanalisi, soprattutto freudiana, ma resta difficile determinare quanta consapevolezza ci fosse nella poetica di Man Ray e quanto, invece, fosse il risultato di manifestazioni inconsce. La scacchiera, ad esempio, che spesso appare nelle opere di Man Ray (il suo amico Duchamp era un grande esperto di scacchi), costituisce uno di quei simboli che racchiudono quegli indizi che possono portare allo scoprimento dell'invisibile nella sua poetica; infatti, le caselle sono 64 (numero dell'unità cosmica), le bianche e le nere si alternano regolarmente rappresentando l'alternarsi del giorno e della notte, la scansione temporale della vita.

ray--enigma-di-Isidore-Ducasse.jpgL'assemblaggio "L'enigma di Isidore Ducasse" (1920), omaggio a Lautréamont (ovvero il poeta Isidore Lucien Ducasse che scrisse "Bello come un incontro fortuito sopra un tavolo di anatomia fra una macchina per cucire ed un ombrello"), che anticipa gli impacchettamenti di Cristo, è una delle opere più simboliche nella ricerca dell'invisibile in quanto sotto la tela e le corde altro non c'è se non l'invisibile.

ray--larmes.jpgCon la fotografia "Larmes" (1930) compie un'operazione dadaista in quanto applica all'occhio truccato di una ballerina delle lacrime di vetro che non  esprimono alcuna emozione.

La parola "fotografia" deriva dal greco e significa scrivere con la luce; il fotografo è quindi un manipolatore di luce. Inoltre la parola Man pronunciata all'inglese richiama alla mente il suono della parola francese "mains", ovvero mani. Per meglio entrare nell'opera di un artista occorre avere alcune coordinate biografiche essenziali, possibilmente estratte direttamente dagli scritti dell'autore stesso, per "entrare nel suo cuore".

alfred StieglitzMan Ray (1890-1976) nasce a Filadelfia (USA) come Michael Radnitzky (anche se sul vero cognome ci sono tuttora delle perplessità). Nel 1904 segue corsi di disegno libero ed industriale, nel 1910 mentre lavora come grafico a New York, frequenta la galleria 291 aperta da Alfred Stieglitz nel 1905, dove scopre le avanguardie artistiche europee. Stieglitz è infatti il primo gallerista americano ad alternare a mostre fotografiche, quelle di artisti delle avanguardie europee quali Matisse, Rodin, Toulouse-Lautrec, ma anche oggetti di artigianato africano.

Marcel%20DuchampNel 1915 partecipa, in veste di pittore, alle prime mostre dove ha occasione di incontrare Marcel Duchamp, con il quale nel 1920 comincia a collaborare. Nel 1921 si trasferisce a Parigi, dove grazie a Marcel Duchamp, si avvicina al gruppo dei Dadaisti. Il vocabolo Dada fu preso a caso dal dizionario (francese) e, nel linguaggio dei bambini, significa cavallo a dondolo. Tzara dice: "Dada non significa nulla, è un prodotto della bocca".

000cover.jpgGli artisti appartenenti a questo movimento rifiutano il concetto di arte; il gesto dell'artista eleva il comune oggetto prodotto in serie, decontestualizzandolo dal quotidiano, al grado di opera d'arte al fine di ridurre tutti gli oggetti e le opere d'arte allo stesso livello. Alla base ci sono la distruzione dei valori e legami etico-culturali, la casualità, l'ironia e l'assunzione di materiali ritrovati, ovvero degli objets trouvés come mozziconi, foglie, ecc. "Ciò che mi interessa è un oggetto che non sembri un'opera d'arte; qualcosa che sia più o meno utile ... Non è necessario andare in un museo o in una galleria; essi sono vicini a noi".

Poiché con la sua attività pittorica non riesce ad avere entrate economiche sufficienti a mantenersi, inizia a fare ritratti fotografici e foto di moda per Paul Poiret. Usa inoltre la fotografia per "documentare" le sue opere, in quanto gli oggetti, una volta usati, vengono spesso distrutti, gettati o dimenticati. Questa sarà una funzione utilitaria della fotografia che egli non esclude mai.

Ray--ritratto-della-marchesa-Casati.jpgÉ un errore fotografico a renderlo famoso presso l'alta società parigina. Infatti, fotografando la marchesa Casati in scarse condizioni di luce, ottiene dei negativi sfocati dove però appaiono tre paia di occhi. La marchesa rimane strabiliata dal risultato asserendo che ha ottenuto "il ritratto della sua anima". Da quel momento comincia a fotografare deliberatamente fuori fuoco in quanto, attraverso la sfocatura, riesce ad ottenere una fusione tra gli elementi di contorno ed il soggetto. È questo uno dei tanti momenti in cui, nella poetica di Man Ray, si comincia a trovare un collegamento con l'invisibile.

ray-Matisse.jpegIn un'altra occasione, accingendosi a fare un ritratto di Matisse, si accorge di aver dimenticato l'obiettivo della sua macchina fotografica; lo sostituisce con i suoi occhiali da vista ed il risultato che ottiene è una foto sfocata, dove però gli elementi più importanti sono nitidi. La mancanza di fuoco gioca un ruolo definito nella fotografia; il soggetto spogliato dai suoi aspetti materiali, condivide i ritmi degli elementi di contorno e si fonde con essi in una relazione simbiotica.

In alcune immagini sfrutta l'effetto del mosso che, assieme a quello degli specchi, secondo l'interpretazione che alcuni critici ne danno, al di là dell'effetto visivo stesso, vuole esprimere l'emotività personale ed il disagio verso la realtà di vita moderna. Essi, infatti, servono a confondere il senso della spazio del fruitore, ovvero a creare riferimenti visivi non correlati. Questa è la caratteristica che si collega alle esposizioni multiple dal punto di vista dell'estetica.

Man Ray non è particolarmente interessato alla tecnica fotografica, ma riesce ad acquisire una preparazione tecnica tale da permettergli di padroneggiare il mezzo ed usarlo per i suoi scopi. Egli, in quanto artista multimediale è, senza dubbio, colui che può, meglio di chiunque altro definire i "confini" fra pittura e fotografia, diatriba ormai secolare che si trascina dalla nascita di quest'ultima. Fotograferei un'idea piuttosto che un oggetto, ed un sogno più che un'idea. Nella fotografia egli infatti inventa e reinventa tutto; là dove la fotografia "classica" non basta ai suoi scopi, egli sviluppa nuove tecniche e procedimenti che si rifanno a quelli del secolo precedente.

Ray_portrait.jpgDipingo ciò che non può essere fotografato e fotografo ciò che non desidero dipingere. Se mi interessano un ritratto, un volto o un nudo, userò la macchina fotografica. É un procedimento più rapido che non fare un disegno o un dipinto. Ma se è qualcosa che non posso fotografare, come un sogno o un impulso inconscio, devo far ricorso al disegno o alla pittura. Per esprimere ciò che sento mi servo del mezzo più adatto per esprimere quell'idea, mezzo che è sempre anche quello più economico. Non mi interessa affatto essere coerente come pittore, come creatore di oggetti o come fotografo. Posso servirmi di varie tecniche diverse, come gli antichi maestri che erano ingegneri musicisti e poeti nello stesso tempo. Non ho mai condiviso il disprezzo ostentato dai pittori per la fotografia: fra pittura e fotografia non esiste alcuna competizione, si tratta semplicemente di due mezzi diversi, che si muovono in due diverse direzioni. Fra le due non c'è conflitto.

ray--cliche-verre-corot.gifEgli infatti mette la fotografia al servizio della pittura. Riscopre indipendentemente la tecnica del cliché-verre (utilizzata un secolo prima da pittori come Corot e Delacroix), ma come supporto, anziché una lastra di vetro affumicato, usa una lastra negativa esposta alla luce, sviluppata e fissata sulla quale va a "disegnare". Una volta finito, appoggia la lastra ad un foglio di carta sensibile e la espone alla luce ottenendo un numero indefinito di copie.

La casualità con la quali egli scopre e riscopre le tecniche, sembra essere fortuita, ma non è così. In realtà è il risultato di un lavoro mentale che lo porta a considerare la macchina fotografica come un attrezzo al servizio della mente, e quindi ad affrontare certe problematiche inerenti al mezzo proiettandosi verso il nuovo, lo sconosciuto.

ray--rayografia-1922.jpgEd ecco che, mentre sta sviluppando un positivo, mette un foglio di carta sensibile non esposto nello sviluppo e vedendo che non appare immagine alcuna, lo mette da un lato appoggiandoci sopra un imbuto di vetro, una provetta ed un termometro. Quando riaccende la luce, si accorge che sulla carta comincia ad apparire le silhouette dei tre oggetti ottenendo un fotogramma che egli ribattezza Rayografia. Sostanzialmente il procedimento è lo stesso seguito da Talbot per ottenere i suoi calotipi, diverso è invece lo spirito di Man Ray che non vuole riprodurre la natura, bensì esprimere lo spirito Dada usando objets trouvés. Inoltre queste Rayografie somigliano alle radiografie per suggerire la capacità della fotografia di penetrare la materia solida e suggerire l'invisibile. Le Rayografie hanno la peculiarità di essere uniche e quindi non riproducibili.

Le sue Rayografie, inoltre, si differenziano notevolmente da quelle dei suoi contemporanei, come Schad e Moholy-Nagy, in quanto utilizza la luce con angolazioni diverse per ottenere ombre che hanno una vasta gamma di grigi e quindi creano un senso di spazialità.

Ray-1933-autoritratto-solarizzato.jpgNessun altro fotografo ha sperimentato tanti procedimenti quanto Man Ray: la sgranatura, la distorsione ottenuta inclinando l'ingranditore, l'effetto rilievo ottenuto ingrandendo contemporaneamente un negativo ed una diapositiva della stessa immagine leggermente sfalsati, e soprattutto la solarizzazione, procedimento scoperto da Armand Sabattier nel 1860-62. Essa consiste nell'esporre alla luce, durante la fase di sviluppo, la carta con l'immagine latente; si ottiene così uno scurimento dei contorni che fa risaltare meglio il soggetto rispetto al fondo. L'uso della solarizzazione nel nudo fa' sì che il soggetto "estraniato" abbia una valenza erotica relativa, mentre quando viene usata nei ritratti permette una quasi introspezione psicologica, benché, nel caso di Man Ray, essi sembrino seguire uno stereotipo.

La sua attrezzatura fotografica è estremamente basilare. Una "modesta Kodak", lampadine e, in mancanza della camera oscura, il buio della notte. Durante la sua vita alterna l'attività di fotografo a quella di pittore e cineasta. Partecipa a numerose mostre ed ottiene numerosi premi.

ray.jpgAnche nell'adozione dello pseudonimo (Man= uomo Ray= raggio di luce), compie un'operazione dadaista in quanto esso non ha nessuna particolare relazione con l'uomo; anche i titoli che egli dà alle sue opere non hanno analogia alcuna con il loro contenuto (esempio la serie di Rayografie "Les Champs Délicieux"); forse rappresentano una sorta di indizio su una delle mille possibili interpretazioni che lo "spettatore" può ottenere facendo appello ai suoi pensieri ed alla sua immaginazione. É proprio tramite questa titolazione che egli compie l'operazione Dadaista di estraniazione dell'oggetto dal suo contesto.

L'esempio più chiarificatore è quello della fotografia di un frullino che dapprima Man Ray intitola "La Femme" (1918) e poi, in seguito ad un'inversione di cartellini ad un'esposizione, diventa "L'Homme"; questo scambio non viene corretto in quanto, in ogni caso, i titoli non fanno riferimento diretto all'immagine. Non bisogna rastrellare i nostri cervelli in cerca di una soluzione, dobbiamo vivere come se non ci fossero problemi e come se non ci fossero soluzioni da ottenere. Questa è l'arte finale che non richiede sforzo se non quello di vivere ed aspettare. Nel 1941 rientra negli USA dove resta sino al 1951, per poi ritornare a Parigi dove morirà nel 1976.

Ray--1975.jpgInteressante è una considerazione fatta da Helmut Gernsheim, fotografo e storico della fotografia, sulle tecniche "sperimentali" che, in Europa si sono sviluppate nel periodo fra gli anni '20 e '30: "Innegabilmente questi esperimenti rivoluzionari hanno allargato i limiti della fotografia e sradicato le condizioni superate. La maggior parte di essi (esperimenti) sono stati ottenuti attraverso tecniche puramente chimiche o ottiche e quindi non possono essere criticate dal punto di vista fotografico. Tuttavia molti artifici hanno condotto ad un vicolo cieco come succede inevitabilmente quando i pittori si interessano di fotografia per scopi personali, dimenticando che la fotografia e pittura devono seguire strade differenti".

 

Cinzia Busi Thompson

 

Bibliografia:

Man Ray: Fotografia anni 30" Università di Parma, C.S.A.C., 1981

Man Ray: Photographs" Thames & Hudson, NY, 1981-1982

Man Ray "Autoritratto", SE, Milano, 1998

Arturo Schwarz "Man Ray" Art Dossier, Giunti, 1998

Petr Tausk "Storia della Fotografia del 20° Secolo" Mazzotta Editore, 1980


© 1985/2003 Parol - quaderni d'arte e di epistemologia

Repost 0
Published by Elisa - in Dada dalla rete
scrivi un commento
21 aprile 2011 4 21 /04 /aprile /2011 14:43

LOUIS ARAGON


ANICET o il panorama


Manoscritto di Anicet

Ammetto, e soprattutto mi auguro, che la figura di Louis Aragon possa anche non piacere, magari sia come scrittore o poeta e uomo, ed ancor più come esponente politico-culturale. La sua conversione allo stalinismo, ma soprattutto la sua incrollabile fede in esso sino alla fine dei suoi giorni ne fanno un soggetto a dir poco sgradevole. È per questo che di quell'Aragon lì non ce ne occuperemo affatto, anzi mai.
Il nostro blog tratta, per fortuna, in modo centrale di dada e quindi è il Louis Aragon dadaista che ci interessa, sino al 1923-24, possiamo dunque stare tranquilli, in generale. Questo Aragon ci piace e non poco, è brillante, impregnato di una sottilissima vena ironica, innovativo, provocatorio e fantasioso.
Oggi presentiamo il primo capitolo di una sua eccellentissima opera, il suo primo romanzo intitolato Anicet ou le panorama [Aniceto o il panorama]  che egli scrisse tra  il settembre del 1918 ed il mese di marzo del 1920 e che fu edito nel 1921 dalle Editions de la Nouvelle Revue Française. Quindi prima che egli aderisse a dada.
Il romanzo, ricco di trovate e colpi di scena anche grotteschi, è formalmente un intreccio di generi presentandosi sia come un romanzo di formazione psicologica sia come un romanzo poliziesco ma anche come un roman philosophique a cui l'ironia e la parodia si presentano in modo oltrettutto esuberante.

 

 

LOUIS ARAGON

 

 

ANICET, Aragon 

A N I C E T

 

O  IL  PANORAMA

 


 

 

L’assenza di sistema è ancora un

sistema, però il più simpatico.

Tristan Tzara.

 

 

 

 

 


 

C A P I T O L O   P R I M O 

 

ARTHUR.

 

 

Anicet non ricordava dei suoi studi superiori che la regola delle tre unità, la relatività del tempo e dello spazio; a questo si limitavano le sue conoscenze dell’arte e della vita. Vi si aggrappava saldamente adeguando ad esse il proprio modo di agire. Ne risultarono alcune stravaganze che non allarmarono affatto la sua famiglia sino al giorno in cui non egli manifestò pubblicamente eccessi poco decenti: si capì allora che era poeta, rivelazione che dapprima lo meravigliò ma che egli accettò di buon grado, per modestia, nella convinzione di non poter egli stesso giudicare meglio di chiunque altro. I suoi genitori, senza alcun dubbio, si adattarono all’opinione generale poiché fecero quello che tutti i genitori dei poeti fanno: lo chiamarono figlio ingrato e gli ingiunsero di viaggiare. Non ebbe coraggio di opporre loro resistenza perché sapeva che né le ferrovie né i piroscafi avrebbero modificato il suo noumeno.

 

Una sera in un albergo di un paese qualsiasi (Anicet non si fidava della geografia, basata come tutte le scienze su dati sensibili e non sulle realtà intangibili), notò durante il pranzo che il suo vicino di mensa non toccava nessuna portata e sembrava malgrado ciò provare tutti gli appagamenti gastronomici del buongustaio. Anicet intuì istantaneamente che questo strano convivente era uno spirito libero che si rifiutava di ricorrere alle forme a priori della sensibilità e non provava il bisogno di portare gli alimenti alla bocca per provarne le qualità. “Vedo, Signore, gli disse, che non cadete nell’incredulità a cui si attengono generalmente gli uomini, e che, in disprezzo della loro stupida rappresentazione della dimensione, vi astenete dai simulacri attraverso cui essi credono di cambiare i loro rapporti con il mondo. Allo stesso modo in cui certi popoli credono alla virtù dei segni scritti, così il senso comune attribuisce superstiziosamente ai propri gesti il potere di rovesciare la natura. Me la rido quanto voi di una simile pretesa, la quale denota la leggerezza di spirito dei nostri contemporanei (parola sprovvista di senso che prendo in prestito, come giustamente ben pensate, dal loro linguaggio) e la facilità a cui danno luogo le apparenze nell’eccedere al loro gioco. Mi chiamano Anicet, sono poeta e fingo di viaggiare per compiacere la mia famiglia. Non potrei nascondervi quanto arda di apprendere accanto a chi sono seduto. La distinzione che appare sul vostro viso e la preminenza dei principi di cui avete dato sfoggio in questa occasione mi incitano a non aver altro desiderio più vivo".

 

  Anicet tacque, molto soddisfatto di sé, dell’arguzia che aveva posto nelle sue dichiarazioni, del suo periodo e della soavità dei sentimenti espressi, infine di alcuni arcaismi attraverso cui aveva così finemente disprezzato l’idea di tempo e la puerile ed onesta cronologia dei bruti che presentemente si crogiolavano con l’illusione di un accostamento del loro palato e di una torta alla crema.

 

  Lo sconosciuto non si fece pregare e cominciò il seguente racconto: “Mi chiamo Arthur e sono nato nelle Ardenne, a quanto mi hanno detto, ma nulla mi permette di affermarlo, tanto più che non ammetto affatto, come avete ben indovinato, la dislocazione dell’universo in luoghi distinti e separati. Mi accontenterei di dire: sono nato, se anche questa proposizione non avesse il torto di presentare il fatto che esprime un’azione passata invece di presentarla come uno stato indipendente dalla durata. Il verbo è stato creato in tale forma che tutti i suoi modi sono funzioni del tempo, e sono certo che la sola sintassi incoroni l’uomo schiavo di questo concetto, perché egli concepisce seguendo essa, ed il suo cervello non è in fondo, che una grammatica. Forse il participio nascendo, restituirebbe approssimativamente il mio pensiero, ma voi capite, Signore,” e qui Arthur colpì il tavolo con il pugno, “che non la finiremmo più se volessimo conformare i nostri discorsi alla realtà delle cose, e che il padrone dell’albergo ci caccerebbe da questa sala prima della fine della mia storia, se non diamo il nostro consenso strada facendo a concezioni puramente formali a categorie che aborriamo come false divinità, e di cui ci serviremo, se lo acconsentite, anziché servirle.

 

“Mi chiamo Arthur e sono nato nelle Ardenne. Molto presto, mi diedero un precettore che doveva insegnarmi il latino ma che preferì interessarmi di filosofia. Mal gliene incolse, perché molto rapidamente osservai che il mio professore smentiva con la sua condotta i principi stessi che egli aveva dimostrato. Agiva come se Dio per costruire la terra avesse anticipatamente calcolato la decimilionesima parte del quarto del meridiano terrestre. Fui offeso da questa disonestà. Ai rimproveri un po’ veementi che gli feci, l’improbo filosofo rispose con la delazione. Mio padre, uomo semplice e che ignorava tutto dell’imperativo categorico, mi fustigò davanti alle mie sorelle. Decisi di abbandonare la casa perché già possedevo quel senso acuto del pudore che doveva dominarmi successivamente. Viaggiai in un primo momento per le strade, mendicando il mio pane o rubando preferibilmente. È durante questo periodo della mia vita che appresi a concepire le acque, le foreste, le fattorie, le figure dei paesaggi indipendentemente dai loro legami sensibili, a liberarmi dalla menzogna della prospettiva, ad immaginare su di un piano quanto altri considerano su diversi come i bambini che sillabano, a non farmi più ingannare dall’illusione delle ore ed abbracciare simultaneamente la successione dei secoli e dei minuti. Una bella sera, un po’ stanco di questi panorami campestri, mi infilai in un treno e feci, nascosto sotto un sedile per non pagare il biglietto, l’itinerario da C… a Parigi. Questa posizione non mi era scomoda, ben sapendo che soltanto un pregiudizio porta i viaggiatori a preferirne un’altra. Utilizzai il tragitto nell’abituarmi a guardare il mondo a rasoterra, la qual cosa mi permise di farmi un’idea delle rappresentazioni possedute dagli animali di bassa taglia. Poi mi accorsi che contrariamente al mio passatempo abituale nulla era più semplice del riportare su diversi piani quanto si vede su uno solo: basta fissare obliquamente ciò che si  vuole dissociare anziché osservarlo frontalmente. Applicai immediatamente questo procedimento per allontanare dal mio volto gli stivali del viaggiatore seduto sopra me. Nell’entusiasmo di questi esercizi, scandii mentalmente, al suono ritmato del treno sul pietrisco delle massicciate ferroviarie, delle poesie che facevano a meno dello stesso principio di identità.

 

Anicet si permise di interromperlo: “Siete dunque anche poeta, Signore?”

 

–A tempo perso, replicò il narratore. Giunsi a destinazione nella più felice delle disposizioni di spirito. Pensate a quel che è Parigi per un ragazzo di sedici anni che sa meravigliarsi di tutto e in mille modi. Sin dalla stazione mi sentii trasportato: il movimento, le case caricate dalla prospettiva, il modo orientale di scrivere CAFÉ sui frontoni dei palazzi, le feste luminose della sera ed i muri coperti di iperboli, tutto contribuiva alla mia gioia. V’erano poche possibilità che mi stancassi di una decorazione incessantemente variata attraverso alcuni dei metodi di contemplazione che possedevo, quando un’avventura venne a darmi le distrazioni ed il luogo necessari per elaborarne altri.

 

Un mattino in cui m'imbattei in un funerale, mi raffigurai il morto, come mi ero abituato a farlo, indipendentemente dalla durata. Simultaneamente lo percepii nelle pose più arroganti, le più insignificanti e le più naturali, compiendo tutte le bassezze e tutte le stupidità di una vita senza interesse, con i suoi piccoli vizi e le sue piccole virtù, così poco responsabile che sghignazzai sonoramente nel vedere dei passanti scoprirsi davanti alla cassa lucida che racchiudeva i suoi resti. A quell’epoca, la fine infelice di una guerra ancora recente, i dissensi politici ed il giogo sempre severo del romanticismo portavano gli spiriti parigini a delle violenze poco usuali agli abitanti della città più amabile del mondo. Un quidam mi fermò e mi ordinò con tono enfatico di togliermi il cappello dalla fronte a non so quale immagine della nostra umiltà. Accarezzai il mio olibrius con alcuni epiteti e non feci nulla di quanto richiestomi. Poiché quest’individuo tentava di costringermici gli diedi una lezione pratica di filosofia. La cosa finì alla stazione di polizia e venni gettato in una cella oscura in cui mi si dimenticò per tre giorni. Per essere più libero dei miei carcerieri, bastava che mi astraessi dal tempo e dall’estensione, però preferii mettere a profitto questa reclusione per nuove evasioni. I matematici hanno inventato altri spazi oltre il nostro, a n dimensioni, essi dicono. Ma intralciati dall’abitudine di pensare secondo le tre dimensioni, essi non giungono a rappresentarsi le loro stesse immaginazioni. Grazie a queste ginnastiche preliminari, fu al contrario un divertimento per il mio spirito costruire il mondo dando a n i valori più diversi; stavo concependo la distesa ad un terzo di dimensione quando ci si ricordò della mia presenza per farmi comparire davanti al commissario. Poiché le mie risposte subivano un leggero disturbo da quell’esercizio, questo funzionario, che aveva un’idea puerile della relatività dei concetti, non comprese nulla dei miei discorsi e, convinzione di parlare ad un pazzo, mi fece rilasciare.

  Parigi divenne per me un bel gioco di costruzioni. Inventai una specie di Agenzia Cook esilarante che cercava invano di riconoscersi con una guida in mano in questo dedalo di epoche e di luoghi in cui mi muovevo facilmente. L’asfalto si rimise a bollire sotto i piedi dei pedoni; delle case affondarono; ve ne furono alcune che si arrampicarono su quelle a loro vicine. I cittadini portavano diversi indumenti che si vedevano tutti insieme come sulle tavole illustrate della Storia dell’Abbigliamento. L’Obelisco fece spuntare il Sahara Place della Concorde, mentre delle galere vogavano sui tetti del Ministero della Marina: erano quelle degli scudi con le insegne municipali. Delle macchine girarono a Grenelle; vi furono delle Esposizioni in cui si distribuirono delle medaglie d’oro dai millesimi differenti sul dritto e sul rovescio; esse coincisero con l’arrivo di Sovrani e di delegazioni straordinarie. Si abitò senza problemi in immobili in fiamme, in acquari giganteschi. Una foresta crebbe all’improvviso presso l’Opera, sotto i cui alberi di ferro si vendevano delle stoffe baiadere. Scambiai di posto i quartieri les Abattoir e il canale Saint-Martin; lo sconvolgimento non risparmiò i Musei e tutti i libri della Bibliothèque Nationale sommersero un giorno la folla dei perditempo.

 

Vi parlerò dei mille mestieri che feci, di volta in volta venditore ambulante che cantava come fossero poesie i titoli dei giornali che vendevo; uomo reclame per amore dei cappelli alti, facchino, scaricatore alla Villette? L’estraneità della mia vita mi attirò delle curiosità, delle frequentazioni, delle amicizie. Conobbi in certi ambienti un successo eguale a quella di un prestidigitatore o di equilibrista. Infine alcuni oziosi della riva sinistra mi trovarono del genio. Fui ammesso in circoli scelti, degli accademici mi ospitarono, delle donne di mondo vollero conoscermi. Il contatto giornaliero dei miei simili aveva fortemente sviluppato in me questo sentimento del pudore di cui vi ho già parlato e che mi era innato.

 

 Mi sottraevo alle sollecitazioni del mondo per evitare di mettermi a nudo davanti a tutti. È a quest’epoca che conobbi Hortence. Ignorava tutto della vita, ma non dell’amore. Immagine della passività, sopportò le mie fantasie senza comprenderle. Ammise tutte le esperienze, si piegò a tutti i capricci e mi lasciò penetrare sino al disgusto i segreti della femminilità. Davanti a lei potevo togliermi ogni maschera, pensare ad alta voce, svelare la mia intimità, senza timore che lei mi capisse. Fu un manuale prezioso che abbandonai in capo a tre settimane: avevo imparato a conoscere la visione femminile del mondo, così distante da quella degli uomini quanto lo è quella dei topi ballerini del Giappone che non immaginano che due dimensioni nello spazio.

 

Tra gli amici che mi erano valsi alcuni doni naturali ve ne fu uno che si legò a me in modo particolare. Quando L*** giunse a penetrare il mio pensiero, lo battei a sangue. Mi seguiva come un cane. Il mio pudore era infastidito all’eccesso da questa presenza costante e il mio solo rifugio era quello di evadere in un universo che mi costruii e in cui L*** cercava di raggiungermi con degli sforzi così grotteschi che a volte ridevo di lui finché non piangeva. Quella vergogna che mi afferrava quando mi si scopriva andò accentuandosi in questo periodo al punto che una semplice domanda come: che ore sono? Se per caso ero io stesso a proferirla, mi faceva arrossire e rendeva la vita intollerabile. Divenni aggressivo, diffidente, insolente. Schiaffeggiavo per un nonnulla gli indiscreti. Vi furono degli scandali durante delle riunioni, dei banchetti. Il colmo fu che un’avventura di questo genere si ritrovò ad essere raccontata ironicamente in un giornale con il mio nome a chiare lettere. Non potei più sopportare lo sguardo delle persone per la strada: decisi di espatriare.

 

L*** mi accompagnò a Londra dove la nebbia ci permise alcune nuove distrazioni. Grazioso sogno dorato delle rive del Tamigi, ci si stanca alla fine di paragonare i riverberi a punti coronati. La diversione giunse fortunatamente sotto forma di una commessa di una di quelle botteghe di sottaceti e mostarde che profumano un intero quartiere di aceto rosso, incenso di un culto sconosciuto. Aveva l'aspetto di quelle bambole inglesi, eroine dei racconti di Golliwog, e che si chiamavano immancabilmente Peg, Meg o Sarah Jane, i capelli dipinti molto neri sul cranio ovoidale, gli zigomi di carminio, gli occhi dipinti con il pennello, niente naso, il corpo formato da pezzi di legno apparentemente articolati da tenoni, le membra cilindriche. Non appena fu la mia amante mi accorsi del mio errore: niente era più armonioso di questa ragazza paffutella, niente era più esile dei suoi gesti. Abituato a Hortense, mi lasciavo andare a pensare ad alta voce davanti a Gertrud, a trasporre la vita, a mostrarmi al naturale. Molto presto dovetti convenire che lei mi penetrava, che nulla le sfuggiva di quanto le abbandonavo e che non vi era gioco tanto complesso di cui lei non sapesse afferrare la regola e lo svolgimento. Dopo essermi ribellato contro una perspicacia che non avevo richiesto affatto, non potei trattenermi dal provare ammirazione per questa Gertie così vicina a me che pensavo già di raggiungerla e confondermi con lei. Apportava nel volermi seguire una intelligenza, una lucidità che mi sconcertavano. Mi superava in queste competizioni spirituali, indovinava la direzione che stavo per prendere, mi sorprendeva per i balzi che effettuava da un sistema all'altro e mi insegnava a sua volta mille nuovi divertimenti. A volte ci inseguivamo attraverso gli spazi di nostra invenzione, ci sfuggivamo, ci nascondevamo l'un all'altro, ed infine ci incontravamo all'angolo di un universo. Tutto approdava all'amore. Diventava lo scopo supremo della vita: non un gesto, non una risata che non vi portasse. Quanto mi sentivo lontano al di sopra dell'emozione gustata nei primi giorni di Parigi, ora che contemplavo con Gertie dalla cupola di Saint Paul Church quest'altra metropoli che le stesse tecniche accomodavano a mio piacere, ma per portare ad una gioia più nobile e più completa, dal seno della quale guardavo con pietà queste povere astronomie passate e gli entusiasmi dei miei sedici anni! Suprema abolizione delle categorie, l'amore rendeva tutto più facile, tutto docile, non avevamo più limiti a noi stessi nel momento in cui si compiva. Ammettevamo senza protesta che fosse il nostro padrone, ma lo servivamo bene. Si piegava ai nostri capricci, perché conoscevamo il segreto dell'eternità, di raccomandarlo, di sospenderlo. Lo conoscemmo sotto tutte le sue forme, ne inventammo,e portammo nell'amore i nostri metodi di esaltazione. Ci abbandonammo alle confusioni di piani, luoghi, istanti e durata. Ogni cosa assumeva un senso esotico e tutto diventava altare per la religione dell'amore. Una finta rivalità di immaginazione ci spinse alle fantasie più folli. Ci amammo in tutte le contrade, sotto tutti i tetti, in tutte le compagnie, in tutte le usanze, sotto tutti i nomi. Fu un meraviglioso viaggio di nozze. “Gertie, se andassimo ai laghi italiani?”. Cercavamo di deluderci, ma la delusione stessa si tramutava in voluttà. Nel momento preciso in cui uno di noi perdeva il controllo di se stesso, il secondo a volte si salvava in un altro mondo. Il gioco consisteva a costringere l'evaso a fermarsi. Cosa volevo di più? A volte provavo il bisogno di essere solo e Gertie interveniva, mi tormentava finché una menzogna non mi avesse sbarazzato di lei. A volte mi stancavo di essere un lottatore ad armi pari di fronte ad un altro lottatore. A volte, mi irritava dover dire: noi sempre, mai: io. A volte c'era un abisso tra le nostre labbra unite. A volte mi sentivo ostile, duro, con la maschia voglia di picchiare questa ragazza troppo chiaroveggente le cui astuzie mi esasperavano, le cui derisioni mi ferivano, le cui provocazioni non eccitavano soltanto il mio desiderio ma anche l'odio nero del mio pudore offeso. In breve, il dialogo mi superava, ed il pretesto che si offrì (L*** voleva tornare sul continente), fu accolto come un sollievo. Un giorno, invece della via lattea, presi il treno per Dover.


Alcune discussioni con L*** che degenerarono in litigi, un viaggio durante il quale credetti di morire, la certezza trovata nel corso del mio ultimo legame che l'arte non è lo scopo di questa vita, uno scandalo che si verificò verso la stessa epoca intorno al mio nome, la pubblicità che gli si diede e la calunnia che se ne impadronì, infine mille cause più offensive le une delle altre mi costrinsero a cambiare vita. Mi risolvi a dare uno scopo diverso ai miei giorni e di rivolgere la mia attività verso il commercio e l'acquisizione delle ricchezze. Dopo aver liquidato ciò che restava del mio passato, mi munii di una partita di perline colorate e partii per l'Africa orientale, con l'intenzione di praticare la tratta dei negri.


La facilità con la quale mi adattavo a non importa qual modo di pensare, l'assenza di ogni legame che incatenano gli Europei in esilio, mi posero rapidamente in luce agli occhi degli indigeni, poco abituati di vedere un bianco preoccuparsi di loro con tanta chiaroveggenza, e presso quei coloni che dovettero presto rivolgersi a me per ogni traduzione con le persone del paese. Non vi fu più uno scambio, un affare in cui non fossi implicato o in cui non intervenissi. Mi arricchii impudentemente alle spese di tutti, e tutti in compenso mi espressero la loro gratitudine. Divenni una specie di potentato economico, così indispensabile alla vita quanto il sole alle colture.

 

 

 


 

 

 

 

[Segue]



LINK all'opera originale:



LINK di presentazione alla presente opera dada:
Louis Aragon: Anicet ou le panorama, 1921
   

 

 

 

 

 

LOUIS ARAGON

 

 

A N I C E T

O IL PANORAMA

 

 

L’assenza di sistema è ancora un

sistema, però il più simpatico.

Tristan Tzara.

 

 

 

 

 


 

C A P I T O L O   P R I M O

 

 

ARTHUR.

 

 

Anicet non ricordava dei suoi studi superiori che la regola delle tre unità, la relatività del tempo e dello spazio; a questo si limitavano le sue conoscenze dell’arte e della vita. Vi si aggrappava saldamente adeguando ad esse il proprio modo di agire. Ne risultarono alcune stravaganze che non allarmarono affatto la sua famiglia sino al giorno in cui non egli manifestò pubblicamente eccessi poco decenti: si capì allora che era poeta, rivelazione che dapprima lo meravigliò ma che accettò di buon grado, per modestia, nella convinzione di non poter egli stesso giudicare meglio di chiunque altro. I suoi genitori, senza alcun dubbio, si adattarono all’opinione generale poiché fecero quello che tutti i genitori dei poeti fanno: lo chiamarono figlio ingrato e gli ingiunsero di viaggiare. Non ebbe coraggio di opporre loro resistenza poiché sapeva che né le ferrovie né i piroscafi avrebbero modificato il suo noumeno.

Una sera in un albergo di un qualunque paese (Anicet non si fidava della geografia, basata come tutte le scienze su dati sensibili e non sulle realtà intangibili), notò durante il pranzo che il suo vicino di tavola non toccava nessuna portata e sembrava malgrado ciò provare tutti gli appagamenti gastronomici del buongustaio. Anicet intuì istantaneamente che questo strano convivente era uno spirito libero che si rifiutava di ricorrere alle forme a priori della sensibilità e non provava il bisogno di portare gli alimenti alla bocca per provarne le qualità. “Vedo, Signore, gli disse, che non cadete nell’incredulità a cui si attengono generalmente gli uomini, e che, in disprezzo della loro stupida rappresentazione della dimensione, vi astenete dai simulacri attraverso cui essi credono di cambiare i loro rapporti con il mondo. Allo stesso modo in cui certi popoli credono alla virtù dei segni scritti, così il senso comune attribuisce superstiziosamente ai propri gesti il potere di rovesciare la natura. Me la rido quanto voi di una simile pretesa, la quale denota la leggerezza di spirito dei nostri contemporanei (parola sprovvista di senso che prendo in prestito, come giustamente ben pensate, dal loro linguaggio) e la facilità a cui danno luogo le apparenze nell’eccedere al loro gioco. Mi chiamano Anicet, sono poeta e fingo di viaggiare per compiacere la mia famiglia. Non potrei nascondervi quanto bruci di apprendere accanto a chi sono seduto. La distinzione che appare sul vostro viso e la preminenza dei principi di cui avete dato sfoggio in questa occasione mi incitano a non aver altro desiderio più vivo.” Anicet tacque, molto soddisfatto di sé, dell’arguzia che aveva posto nelle sue dichiarazioni, del suo periodo e della soavità dei sentimenti espressi, infine di alcuni arcaismi attraverso cui aveva così finemente disprezzato l’idea di tempo e la puerile ed onesta cronologia dei bruti che presentemente si crogiolavano con l’illusione di un accostamento del loro palato e di una torta alla crema.

Lo sconosciuto non si fece pregare e cominciò il seguente racconto: “Mi chiamo Arthur e sono nato nelle Ardenne, a quanto mi hanno detto, ma nulla mi permette di affermarlo, tanto più che non ammetto affatto, come avete ben indovinato, la dislocazione dell’universo in luoghi distinti e separati. Mi accontenterei di dire: sono nato, se anche questa proposizione non avesse il torto di presentare il fatto che esprime un’azione passata invece di presentarla come uno stato indipendente dalla durata. Il verbo è stato creato in tale foggia che tutti i suoi modi sono funzioni del tempo, e mi assicuro che la sola sintassi incorona l’uomo schiavo di questo concetto, perché egli concepisce seguendo essa, ed il suo cervello non è in fondo, che una grammatica. Forse il participio nascendo, restituirebbe approssimativamente il mio pensiero, ma voi capite, Signore,” e qui Arthur colpì il tavolo con il pugno, “che non la finiremmo più se volessimo conformare i nostri discorsi alla realtà delle cose, e che il padrone dell’albergo ci caccerebbe da questa sala prima della fine della mia storia, se non diamo il nostro consenso strada facendo a concezioni puramente formali a categorie che aborriamo come false divinità, e di cui ci serviremo, se lo acconsentite, anziché servirle.

“Mi chiamo Arthur e sono nato nelle Ardenne. Molto presto, mi diedero un precettore che doveva insegnarmi il latino ma che preferì interessarmi di filosofia. Mal gliene incolse, perché molto rapidamente osservai che il mio professore smentiva con la sua condotta i principi stessi che egli aveva dimostrato. Agiva come se Dio per costruire la terra avesse anticipatamente calcolato la decimilionesima parte del quarto del meridiano terrestre. Fui offeso da questa disonestà. Ai rimproveri un po’ veementi che gli feci, l’improbo filosofo rispose con la delazione. Mio padre, uomo semplice e che ignorava tutto dell’imperativo categorico, mi fustigò davanti alle mie sorelle. Decisi di abbandonare la casa perché già possedevo quel senso acuto del pudore che doveva dominarmi successivamente. Viaggiai in un primo momento per le strade, mendicando il mio pane o rubando preferibilmente. È durante questo periodo della mia vita che appresi a concepire le acque, le foreste, le fattorie, le figure dei paesaggi indipendentemente dai loro legami sensibili, a liberarmi dalla menzogna della prospettiva, ad immaginare su di un piano quanto altri considerano su diversi come i bambini che sillabano, a non farmi più ingannare dall’illusione delle ore ed abbracciare simultaneamente la successione dei secoli e dei minuti. Una bella sera, un po’ stanco di questi panorami campestri, mi infilai in un treno e feci, nascosto sotto un sedile per non pagare il biglietto, l’itinerario da C… a Parigi. Questa posizione non mi era scomoda, ben sapendo che soltanto un pregiudizio porta i viaggiatori a preferirne un’altra. Utilizzai il tragitto nell’abituarmi a guardare il mondo a rasoterra, la qual cosa mi permise di farmi un’idea delle rappresentazioni possedute dagli animali di bassa taglia. Poi mi accorsi che contrariamente al mio passatempo abituale nulla era più semplice di riportare su diversi piani quanto si vede su uno solo: basta fissare obliquamente ciò che si  vuole dissociare anziché osservarlo frontalmente. Applicai immediatamente questo procedimento per allontanare dal mio volto gli stivali del viaggiatore seduto sopra me. Nell’entusiasmo di questi esercizi, scandii mentalmente, al suono ritmato del treno sul pietrisco delle massicciate ferroviarie, delle poesie che facevano a meno dello stesso principio di identità.

Anicet si permise di interromperlo: “Siete dunque anche poeta, Signore?”

– A tempo perso, replicò il narratore. Giunsi a destinazione nella più felice delle disposizioni di spirito. Pensate a quel che è Parigi per un ragazzo di sedici anni che sa meravigliarsi di tutto e in mille modi. Sin dalla stazione mi sentii trasportato: il movimento, le case caricate dalla prospettiva, il modo orientale di scrivere CAFÉ sui frontoni dei palazzi, le feste luminose della sera ed i muri coperti di iperboli, tutto contribuiva alla mia gioia. V’erano poche possibilità che mi stancassi di una decorazione incessantemente variata attraverso alcuni dei metodi di contemplazione che possedevo, quando un’avventura venne a darmi le distrazioni ed il luogo necessari per elaborarne altri.

Un mattino in cui imbattei in un funerale, mi raffigurai il morto, come mi ero abituato a farlo, indipendentemente dalla durata. Simultaneamente lo percepii nelle pose più arroganti, le più insignificanti e le più naturali, compiendo tutte le bassezze e tutte le stupidità di una vita senza interesse, con i suoi piccoli vizi e le sue piccole virtù, così poco responsabile che sghignazzai sonoramente nel vedere dei passanti scoprirsi davanti alla cassa lucida che racchiudeva i suoi resti. A quest’epoca, la fine infelice di una guerra ancora recente, i dissensi politici ed il giogo sempre severo del romanticismo portavano gli spiriti parigini a delle violenze poco usuali agli abitanti della città più amabili del mondo. Un quidam mi fermò e mi ordinò con tono enfatico di mettere il cappello basso sul di fronte a non so quale immagine della nostra umiltà. Accarezzai il mio olibrius con alcuni epiteti e non feci nulla di quanto richiestomi. Poiché quest’individuo tentava di costringer mici gli diedi una lezione pratica di filosofia. La cosa finì alla stazione di polizia e venni gettato in una cella oscura in cui mi si dimenticò per tre giorni. Per essere più libero dei miei carcerieri, bastava che mi astraessi dal tempo e dall’estensione, però preferii mettere a profitto questa reclusione per nuove evasioni. I matematici hanno inventato altri spazi oltre il nostro, a n dimensioni, essi dicono. Ma intralciati dall’abitudine di pensare secondo le tre dimensioni, essi non giungono a rappresentarsi le loro stesse immaginazioni. Grazie a queste ginnastiche preliminari, fu al contrario un divertimento per il mio spirito costruire il mondo dando a n i valori più diversi; stavo concependo la distesa ad un terzo di dimensione quando ci si ricordò della mia presenza per farmi comparire davanti al commissario. Poiché le mie risposte subivano un leggero disturbo da quell’esercizio, questo funzionario, che aveva un’idea puerile della relatività dei concetti, non comprese nulla dei miei discorsi e, nella convinzione di parlare con un pazzo, mi fece rilasciare.

Parigi divenne per me un bel gioco di costruzioni. Inventai una specie di Agenzia Cook esilarante che cercava invano di riconoscersi con una guida in mano in questo dedalo di epoche e di luoghi in cui mi muovevo facilmente. L’asfalto si rimise a bollire sotto i piedi dei pedoni; delle case affondarono; ve ne furono alcune che si arrampicarono su quelle a loro vicine. I cittadini portavano diversi indumenti che si vedevano tutti insieme come sulle tavole illustrate della Storia dell’Abbigliamento. L’Obelisco fece spuntare il Sahara Place della Concorde, mentre delle galere vogavano sui tetti del Ministero della Marina: erano quelle degli scudi con le insegne municipali. Delle macchine girarono a Grenelle; vi furono delle Esposizioni in cui si distribuirono delle medaglie d’oro dai millesimi differenti sul dritto e sul rovescio; esse coincisero con l’arrivo di Sovrani e di delegazioni straordinarie. Si abitò senza problemi in immobili in fiamme, in acquari giganteschi. Una foresta crebbe all’improvviso presso l’Opera, sotto i cui alberi di ferro si vendevano delle stoffe baiadere. Scambiai di posto i quartieri les Abattoir ed il canal Saint-Martin; lo sconvolgimento non risparmiò i Musei e tutti i libri della Bibliothèque Nationale sommersero un giorno la folla dei perditempo.

Vi parlerò dei mille mestieri che feci, di volta in volta venditore ambulante cantando come fossero delle poesie i titoli dei giornali che vendevo; uomo reclame per amore dei cappelli alti, facchino, scaricatore alla Villette? L’estraneità della mia vita mi attirò delle curiosità, delle frequentazioni, delle amicizie. Conobbi in certi ambienti un successo eguale a quella di un prestidigitatore o di equilibrista. Infine alcuni oziosi della riva sinistra mi trovarono del genio. Fui ammesso in circoli scelti, degli accademici mi ospitarono, delle donne di mondo vollero conoscermi. Il contatto giornaliero dei miei simili aveva fortemente sviluppato in me questo sentimento del pudore di cui vi ho già parlato e che mi era innato.

Mi sottraevo alle sollecitazioni del mondo per evitare di mettermi a nudo davanti a tutti. È a quest’epoca che conobbi Hortence. Ignorava tutto della vita, ma non dell’amore. Immagine della passività, sopportò le mie fantasie senza comprenderle. Ammise tutte le esperienze, si piegò a tutti i capricci e mi lasciò penetrare sino al disgusto i segreti della femminilità. Davanti a lei potevo togliere ogni maschera, pensare a voce alta, svelare l’intimo di me stesso, senza timore che lei mi intendesse. Fu un manuale prezioso che abbandonai in capo a tre settimane: avevo imparato a conoscere la visione femminile del mondo, così distante da quella degli uomini quanto lo è quella dei topi ballerini del Giappone le quali non immaginano che due dimensioni nello spazio.

Tra gli amici che mi erano valsi alcuni doni naturali ve ne fu uno che si legò a me in modo particolare. Quando L*** giunse a penetrare il mio pensiero, lo battei a sangue. Mi seguiva come un cane. Il mio pudore era infastidito all’eccesso da questa presenza costante e il mio solo rifugio era quello di evadere in un universo che edificai e in cui L*** cercava di raggiungermi con degli sforzi così grotteschi che a volte ridevo di lui finché non ne piangesse. questa vergogna che mi afferrava quando mi si scopriva andò accentuandosi in questo periodo al punto che una semplice domanda come: che ore sono? Se per caso andavo io stesso a proferirla, mi faceva arrossire e rendeva la vita intollerabile. Divenni aggressivo, diffidente, insolente. Schiaffeggiavo per un nonnulla gli indiscreti. Vi furono degli scandali durante delle riunioni, dei banchetti. Il colmo fu che un’avventura di questo genere si ritrovò ad essere raccontata ironicamente in un giornale con il mio nome a chiare lettere. Non potei più sopportare lo sguardo delle persone per la strada:

 

Rimaud era nato a Charleville-Méziéres.

Repost 0
Published by Elisa - in ANTOLOGIA
scrivi un commento
16 aprile 2011 6 16 /04 /aprile /2011 14:23

 

00cover--apologie-de-la-paresse.jpg

 

 

 

 

II


 

 

…Affamato di sapere!

-Una semplice mutandaia in mutande.

 

 

…Non a spasso per disoccupazione

-smarrita.

 

 

…Filosofo? Visionario demente.

 

…Ho ritrovato la verità. Ed ozio.

Prendi posto su questa riva,

se non hai fatto un voto di astinenza…

Assenzio ed oppio…

Ma sei filosofa. Vestita di saggezza.

 

 

…Neoempirista? Marcio di utilità.

Aristocratico dello spirito. Capisco.

Burlone a ripetizione.

Davanti agli affamati di libertà-

l'aristocrazia sparisce-

la borghesia sparisce-

il proletariato sparisce-

Un mondo comune che ozia.

 

Non turbarti. Sì. Un mondo comune.

L'utilità è femmina. La verità pure.

Divorzio. Reintegrare il domicilio reciproco.

Non si accoppiano due femmine- arriviste.

 

 

…Allucinato. Io?

Domatore di lesbiche

-corrotto da saggezza libresca.

 

 

…L'orbita del mondo?

Allo Zenit, un groviglio di squallore.

 

 

…Il posto dell’uomo in questo mondo?

   Lo squallore, che si supera, muore e

   risorge.

   Guarda vicino a questo aratro…

   Sei capace di distinguere l’uomo dal bue?

Anche il coolie è un uomo

   e il corroso dai parassiti sotto il portico della chiesa

(Quale blasfemia di fronte al sacro mutilato sulla

sua croce)

Ed il bracconiere, che i guardiacaccia braccano

ed il forzato che sputa il suo rancore

e che crepa

-rantolando centomila bestemmie.

 

 

Misura la terra…

Seziona la seziona aurea…

Acromegalia rigogliosa!

Crepa di fame! Formidabili roghi-

Colossali marmitte colossali sui fuochi!

Odori di resine- deliziosi aromi-

Girotondi di allegria…

Clamori della pigrizia sfarzosa…

 

 

…Capriccio Pacchiano?

Sofista servile di sfumature.

Il lusso ha serve, servi-

che servono i suoi capricci.

 

 

Cielo e terra, dio, la bestia ed il porcaio

hanno un caveau alla cantina del lusso

-tappi ed etichette.

 

 

…Senilità? Partenogenesi!

Astrattista di muffe.

La tua utilità è stilizzazione struggente,

semplificazione ad oltranza,

sintesi incastonatrice.

 

 

Le frontiere abolite-

 

 

la nozione di razza si arrugginisce-

(i porta-torce, di già, si sono spenti)-

I popoli si compenetrano, si confondono.

L’inutilità si consuma-

L’utilità arde.

Le apparenze, bruciate, cadono polverizzate.

Le realtà si cristallizzano.

Una è la verità, che, incarnata

si farà uomo.

 

 

…Nirvana? Mistero?

Il mondo è semplice, in cui l’uomo si inebria,

a propria immagine.

Ma l’umanità è più servile della pietra…

E, filosofo indolente, le tue carrozze di

promesse armoniche…

Oh, il lusso imprevisto dell’inoperosità!

Lo sciopero generale su una spiaggia soleggiata!


 

 

…La parola è in atto?

Raffinato retore loquace.

Che innanzitutto la parola sia alla parola.

occorre più di una stagione alle sensazioni per maturare.

 

 

…Laggiù c’è la foresta-

il mite esercito in ascolto della parola del vento.

 

 

…Sì. La tua reputazione ti proibisce di abbandonare

   l’ideale del ventre.

   Sublime utilitaria-

   E se ti prometto la celebrità-

   foss’anche dieci decadi dopo il tuo funerale.

 

 

…Idealista utilitaria.

 

 

…Eunuchi, automi?

   Castratore di saggezza.

   Gran maestro in arte culinaria…

   condisci perfettamente

   le cose buone per il ventre.

 

 

…Utopista?

Droghiere dell’esofago.

Il manzo è buono.

La sella del capriolo è squisita

annaffiata con un vino speziato dall’aroma inebriante.

Il vaccaro è un relitto

nella stalla una cosa desiderabile….

Ma le spezie accelerano la disgregazione

 

 

tanto quanto le speculazioni per la Borsa,

l’ardore delle preghiere alla chiesa.

 

 

...Aristotele, Kant. Scolastica, pragmatismo?

   Superstizioni da saltimbanco!

 

 

...Taci-

   Sto oziando- Assenzio a 95°

   Mi inebrio.

 

 

…Ma taci, inutile utilitario

-adorabile filosofo fantastico.

 

 

…Io, Chirurgo?..

Oh, la piccola sterile prostituta

che temeva per le sue ovaie!

 

 

…I tuoi lobi cervicali?

Pigrizia… Dice Erasmo… l’Elogio della follia.

 

 

…Violenza? Ti faccio violenza?

Violatore dell’identità umana -

Ascolta…

 

 

...Tumulti sonori nelle careggiate…

Suicidi dei disillusi…

Aborti di incanti di indigenze…

Feccia di moralità straripate e che appestano…

Ondate ferventi di lebbrose fraternità…

Ebbrezze eleganti…

Delle cascate di abbondanza rotolano per le strade-

Marce trionfali!

 

 

Assassino? Chi? Io, assassino?

Divinamente io ozio…

Tu perdi il tuo contegno.

Il tuo fard rossiccio si scaglia-

Diventi idropica…

Povero filosofo asmatico!

Ti salvi?

Non perdere il tuo ventre!

Addio età dell’oro -

Nell’era degli assassini, verrò

A solleticarti le zone erogene.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Traduzione di Elisa Cardellini]

 

 

LINK all'opera originale:

L'Apologie de la paresse



LINK interni su Pansaers:

Fabrice Lefaix, Al Tempo dell'Occhio Cacodilato

Rossano Rosi, L'eterno ritorno del pan-pan al culo

Bernard Pokojski, Pan! Pan! Pansaers

Paul Neuhuys: Clément Pansaers, "Paria in demolizioni (1921)

Repost 0
Published by Elisa - in ANTOLOGIA
scrivi un commento
12 aprile 2011 2 12 /04 /aprile /2011 17:06

 

 

 

 

 

 

coeur, 01

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

coeur--03.jpg

 Le Cœur à Barbe, il 4 aprile 1922.

 

 

 

Caro signor Gale:


Il bisogno di dormire con delle donne è una mancanza di immaginazione. Non sono onanista, al contrario. Dunque vi sbagliate dicendo che ho troppa immaginazione.

 

*

* *

 

A coloro che seguono molto solennemente il funerale del cubismo avverto che essi vanno dietro una bara vuota. Il cubismo nascosto dietro un angolo del secolo guarda passare il suo funerale con un piccolo sorriso intramaxillare.

 

*

* *

 

Il mese prossimo si celebrerà a Parigi il centenario di Max Jacob.

    Vietato sputare sul Polo Nord.

                                                  Vincent HUIDOBRO

____________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

Dopo la pioggia, il tempo brutto. Le piccole fantasie fanno le grandi carriere. Ciò non impedisce che il signor A. Breton, il congresso ben noto, ha il merito di non imbarazzarsi delle opinioni che sembrano essere le più rispettabili agli idioti, come voi o me (perdonatemi quest'accostamento). Il magnetismo intellettuale non orienta allo stesso modo gli aghi blu dei nostri cervelli. Gutenberg ha detto che l'amore era una conseguenza del quadrato dell'ipotenusa, cioè della noia e della docilità agli esempi dell'abitudine. Tutto ciò che vi è di più abietto, e ci avvicina veramente agli uomini superiori, come Gutenberg, Breton, Palestrina, Pelletier e Caventon. Il tuono è una semplice complicazione della politica, ma un cucchiaino che cade non produrrà mai l'arcobaleno; cade giusto nel momento in cui stavo prendendo infine una decisione relativa agli argomenti della poesia. Se aspettate un tram per 45 minuti sulla riva della Senna, la donan che amate vi scenderà; il fiume metallico attira verso sé la poca luce rimasta, così come alcune persone viventi o morte o tra le due.

Con fraterno affetto.                                                                                      Th. FRAENKEL

___________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

Signor Binet Valmer quando si è stati tre volte feriti si hanno tre ragioni per tacere.

 

NON È UNA QUALITÀ ESSERE FRANCESI                                     Benjamin PÉRET

___________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

NUOVI CARCIOFI

 

Gli uomini sono arrivati a dare la sifilide agli dei con l'aiuto di procedure che non hanno nulla di wagneriano. Si tratta per il momento di incidenti primari: il congresso di Parigi o la piaga della primavera.

____________________________

 

Vitrac è giù di forma*. Prenda dell'impostura di mercurio. È un sale sovrano.

____________________________

 

Aragon è un bella campana di vetro sotto la quale dorme il fiore d'arancio di Breton.

____________________________

 

Modernismo di Panama, o il modo di far comunicare due Continenti. Per Ozenaffandrare** Breton.

___________________________

 

Dopo gli ultimi avvenimenti Pierre de Massot è diventato spagnolo e firma: Pedro de Masso. Ma poiché teme anche che André Breton gli rimproveri di provvenire da Barcellona, rassicura quest'ultimi. Avviso agli estimatori di sculacciate.

_________________________

 

Infine, si va ad assassinarsi.

_________________________

 

André Breton, detto Andréas il Camaleonte. Come ripete Johan Bojer, è furiosamente così.

_________________________

 

Picabia tratta i suoi amici come oggetti utili. Quando hanno finito di servirgli li butta nel cestino dei rifiuti.

_________________________

 

Pensiero letto in un giornale: non c'è che una sola cosa QUASI assoluta, è il libero arbitrio.

 

Non fa parte dello Spirito Nuovo***.

________________________

 

Non ho per fortuna alcun talento. 

_________________________

 

Francis Picabia voleva gettare André Breton in mare. Ora eccoli entrambi su una piccole e carina zattera. S.O.S.

________________________

 

Dada cerca suo padre.


Dada il Padre non è affatto il padre di Dada, malgrado il piccolo Pierre. Non è nemmeno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTE:

 

* Patraque

 

** Ozenfandré, ottenuto unendo al nome di Amédée Ozenfant il suffisso di un verbo al passato prossimo: Ozenfandrare! Esponente del purismo pittorico insieme a Le Corbusier.

 

*** Esprit Nouveau, rivista fondata da Amédée Ozenfant e Le Corbusier.

 

 

 

 

 

 

 

 

[Traduzione di Elisa Cardellini]

 

 

 

 

LINK:

Coeur a Barbe, 03

Repost 0
Published by Elisa - in Riviste dada
scrivi un commento
22 marzo 2011 2 22 /03 /marzo /2011 14:39

 

Al Tempo dell'Occhio Cacodilato

Panorama bio-icono-bibliografico dei sessanta firmatari di L'Occhio Cacodilato di Francis Picabia (1921)


Odio la guerra ma amo coloro che l'hanno fatta (R. Dorgelès)


Firma di Roland Dorgèles (1885-1973)


di Fabrice Lefaix
"Proclamiamo che l'eccesso in tutto è una forza, la sola forza... Devastiamo i musei assurdi, prendiamo a calci le consuetudini infami. Viva lo scarlatto, la porpora, le gemme corrusche, tutti quei toni cheturbinano e si sovrappongono" [1]. Eco sghignazzante al Manifesto del Futurismo, il Manifesto dell'Eccessivismo di Roland Dorgèles fu pubblicato il 1° aprile 1910 in una rivista umoristica intitolata Fantasio.

Dorgèles ha ventiquattro anni, ha appena lasciato la Scuola delle Belle Arti ed intende dedicarsi ad un'attività artistica. A mo' di introduzione, espone al Salon des Indépendants, con lo pseudonimo J. R. Boronali, una tela realizzata con l'aiuto della coda di un asino ed ottiene un forte successo con questa beffa (gesto dada ante litteram?). Negli anni dieci, frequenta Pierre Mac-Orlan, Guillaume Apollinaire e la bohème di Montmartre 8ha incontrato Duchamp?). Nel 1921, Dorgèles, il cui vero nome vero nome è Roland Lecavelé, ha trentasei anni. L'anno seguente, sposa Hania Routchine, altra firmataria ed altra artista lirica di L’Œil Cacodylate.

[1] Citato da Marc Partouche in: La lignée oubliée, bohèmes, avant-gardes et art contemporain de 1830 à nos jours, éd. Al Dante, coll. &, p. 108, 2004.

Per un approccio approfondito dell'affare Boronali, vedere Rire ou ne pas rire: l’âne qui peint avec sa queue » in Aux commencements du rire moderne – L’esprit fumiste, Daniel Grojnowski, Ed. José Corti, 1997.


L'asino Boronali al lavoro. Fotografia apparsa in L'Illustration (2 aprile 1910)


Scollatemi questo



Piccolo enigma. Non avevo ancora portato la mia attenzione su questo centimetro quadrato lì: PE. La prima idea che mi era venuta era troppo evudente. No, non deve trattarsi di un monogramma, ed ancor meno di quello di Paul Eluard, che aveva altre gatte da pelare in quel momento. L'iscrizione sembrava proseguire sotto la fotografia di Man Ray e terminare cin una Y. Y di Man RaY? Si tratterebbe del nome o cognome della Donna con la sigaretta?

Fabrice Lefaix

[Traduzione di Elisa cardellini]

LINK: 
Repost 0

Presentazione

  • : DADA 100
  • DADA 100
  • : In attesa delle giuste celebrazioni che vi saranno nel mondo colto per il primo centenario del grande movimento Dada di arte totale, intendiamo parlarne con un grande anticipo di modo che giungendo la fatidica data molti non siano presi alla sprovvista grazie al mio blog.
  • Contatti

Profilo

  • Elisa
  • Amo l'arte in generale, di ogni tempo e cultura storica, soprattutto le avanguardie artistiche e le figure più originali ed eterodosse.
  • Amo l'arte in generale, di ogni tempo e cultura storica, soprattutto le avanguardie artistiche e le figure più originali ed eterodosse.

Link